Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Lo stato di crisi della Serie C guidata da Gabriele Gravina è ormai certificato. Lo è da molti anni a questa parte. Il caso Modena, cancellato in corso di campionato, è solo l’ultimo dei fallimenti che da lustri falcidiano la terza serie nazionale e lasciano i tifosi di questa categoria nella disperazione più cupa. La riduzione di numero dei club iscritti è ormai nell’ordine delle cose per provare a trovare il bandolo della matassa, come pure il blocco dell’aberrante procedura dei ripescaggi (leggi QUI). Gli addetti ai lavori si sono schierati a favore, senza praticamente eccezioni. Calciopress si è collocato da tempo su questo versante, come conferma l’articolo pubblicato il 9 gennaio 2017 che vorremmo condividere con i nostri lettori. Bisognerebbe muoversi senza indugio però, perché davvero il tempo stringe (Sergio Mutolo).

* * * * * * * * *

Lega Pro, se anche 40 bastano

Il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, continua a ribadire che il calcio professionistico italiano è pletorico e che occorre sforbiciarlo alla grande se si vuole tenere in piedi un sistema che ormai fa acqua da tutte le parti (QUI).

Si tratta adesso di capire se alle parole seguiranno i fatti, cosa che raramente accade alle nostre latitudini.

La prima a pagare pegno non potrà che essere la Prima Divisione Unica di Lega Pro guidata da Gabriele Gravina, che si è presenta ai nastri di partenza della stagione 2016-2017 con una flotta formata da ben 60 unità.

Il fatto è che una discreta percentuale di queste imbarcazioni, già all’atto dell’iscrizione, non era forse in grado di navigare in mare aperto.

La terza serie nazionale è l’anello debole di un sistema calcio professionistico italiano alla frutta, che non sembra in grado di contenere più di 70/80 club e non potrà che subire una drastica cura dimagrante.

Calciopress da tempo non sospetto punta, per la terza serie nazionale, su un format a 40 (20+20). Meglio ancora se suddiviso in Prima Divisione e Seconda Divisione (la vecchia C1 e la vecchia C2), per creare il necessario cuscinetto con l’altrettanto pletorico pianeta dilettanti.

Una soluzione equa. Che  renderebbe la categoria più  gestibile e assai più conforme ai criteri di lealtà sportiva posti alla base di qualunque attività agonistica.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film