Connect with us

Pubblicato

il

Il caso Arezzo continua a tenere in sospeso il girone A della terza serie nazionale. Fin qui già tre partite del club amaranto sono state rinviate d’ufficio dalla Lega di Firenze (le due in trasferta con Livorno e Olbia, oltre a quella interna con il Monza).  

La classifica è ormai fittizia, sia in testa che in coda. Molto grave il pregiudizio di fatto per la regolarità del campionato. Sabato 17 marzo incombe la gara in casa della Viterbese. Si giocherà oppure sarà rinviata anche questa?

La Lega di Firenze, guidata da Gabriele Gravina, ha deciso di attendere l’esito dell’udienza fissata dal Tribunale fallimentare per giovedì 15 marzo (che potrebbe decretare l’esercizio provvisorio) prima di prendere una decisione definitiva sulla disputa o meno della partita al Rocchi di Viterbo. Vale a dire che tutto è rinviato ad appena 48 ore prima della data stabilita dal calendario.

Non si tratta di una scelta di poco conto. L’esclusione di un club nel girone di ritorno, a differenza di quanto avvenuto per il Modena nel girone B (cancellato dai ruoli federali durante l’andata), comporta l’acquisizione dei risultati delle partite già giocate. Un buco nero nel regolamento. Chi lo va a spiegare alle società che, con l’Arezzo,  hanno perso punti e che sarebbero gravemente penalizzate dalla scomparsa del club toscano? Un vero e proprio obbrobrio normativo.

Il fatto è che il giorno successivo a quello fissato per l’udienza, ovvero venerdì 16 marzo, coincide con la data limite fissata per tutte le società entro la quale saldare le scadenze amministrative. Se pure il 15 marzo venisse approvato l’esercizio provvisorio, ce la farà l’Arezzo a saldare il giorno successivo i 372.000 euro che occorrono per sanare le pendenze?

Vale la pena ricordare che il club amaranto ha onorato in ritardo le scadenze del 16 dicembre e non ha proceduto al saldo di quelle previste a febbraio. Ciò significa che, ai tre punti di penalizzazione già comminati, si devono già sommare altri 8 punti in meno nella classifica. In totale, ad oggi, l’Arezzo viaggia a quota -11.

Un garbuglio inestricabile. A prescindere dalla decisione del Tribunale fallimentare, quale potrà mai essere la sorte di un club che sta vivendo una stagione tra le più drammatiche della sua storia? Come immaginare uno sbocco positivo per la società toscana da qualunque prospettiva si giudichi, con la serenità necessaria, la situazione che si è venuta a creare?

Questa precarietà non è più compatibile con la disputa di un campionato professionistico, il terzo del calcio italiano, che da lustri è condannato a inghiottire bocconi amari e che vivacchia alla ricerca disperata di quella sostenibilità economica sempre più simile a un’araba fenice.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi