Connect with us

Pubblicato

il

Come dicevano i latini, tempus inesorabile fugit. Il momento del game over per l’iscrizione in serie C si avvicina a passi veloci. La Figc ufficializzerà venerdì 20 luglio il format per la stagione 2018-19, dopo la scrematura della Covisoc che procederà attraverso tappe serrate (> QUI).

La Gazzetta dello Sport, quotidiano sempre molto informato sulle questioni della terza serie nazionale, ci fa sapere che le situazioni sono disperate per Lucchese e Reggiana. La rosea ventila anche una rinuncia volontaria della Fidelis Andria. Un posto si libererà per la fusione tra Bassano Virtus e Vicenza. Un altro per la possibile rinuncia del Mestre. Infine un’ultima casella vuota potrebbe essere lasciata dalla Ternana, in caso di ripescaggio in serie B.

Il fatto è che il format federale prevede 60 club. Per completare l’organico della Serie C potrebbero dunque rendersi necessari parecchi ripescaggi. E allora che si fa? Si buttano dentro le squadre B della Serie A. Una bella soluzione all’italiana per riempire buchi che dovrebbero essere lasciati vuoti, in una categoria ormai esausta.

Al momento, sempre secondo la rosea,  sarebbero solo cinque i  club pronti a sostenere il pesante costo economico di questa procedura: due squadre B della Serie A (Juventus e Milan: si saprà il 27), una retrocessa dalla C (Prato), due dalla D (Cavese e Como). Se non fossero sufficienti a tappare tutti i buchi, probabile il coinvolgimento di un’altra squadra B (la Roma?) e di un’altra della quarta divisione nazionale (Imolese).

La Figc sembra disposta a prolungare le procedure fino ai primi di agosto, dopo i rituali ricorsi e controricorsi, per prendere decisioni condivise e condivisibili. Ma siamo proprio sicuri che anche questa data limite sarà rispettata? O si arriverà, nella massima incertezza, a ridosso dell’inizio di campionato?

La serie C, guidata al momento da Gabriele Gravina, vive da troppi anni stagioni angoscianti. Si trova sotto la spada di Damocle di un format esageratamente ridondante rispetto alle risorse disponibili, che finisce per lasciarla in balia di avventurieri di ogni risma. Gente che calpesta, senza ritegno, la passione dei tifosi. Un’agonia senza fine.

Saranno queste le ultime grida dalla savana, prima che qualcuno si decida finalmente a ristrutturare una categoria alla canna del gas?

Sergio Mutolo –  www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 settimana fa

La Juventus si riprende il talento di Sofia Cantore: sarà qualcosa di travolgente?

Quando nella stagione 2020-21 Sofia Cantore fu trasferita alla Florentia San Gimignano, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni...

Editoriali2 settimane fa

Superlega Serie A femminile: un occhio di riguardo per i vivai

Per certificare il ruolo cruciale dei settori giovanili nella prossima Superlega professionistica della A femminile, è necessario tenere bene a...

Opinioni2 settimane fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Editoriali3 settimane fa

Serie A e Serie B femminili: mancano pochi giorni alle iscrizioni

Il termine di scadenza per le iscrizioni ai campionati di Serie A e Serie B femminile incombe. Entro le ore...

Opinioni4 settimane fa

Calcio femminile, non solo Superlega: e la copertura mediatica?

La Serie A Femminile – con il passaggio al professionismo – deve stabilire la sua mission, che passa attraverso un...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi