Connect with us

Pubblicato

il

La Serie C è monca di quattro squadre dopo l’ufficializzazione del format sancito dalla Federcalcio. I ripescaggi in terza serie per ripristinare l’organico a 60 dovrebbero però, al momento, essere sette. Tre squadre di Serie B sono state infatti escluse dal campionato. Bari e Cesena sono spacciate, mentre l’Avellino spera ancora nel ricorso.

Tutto semplice allora? Niente affatto. Non si sa ancora quali squadre saranno ripescate in cadetteria, perché si è aperta una vera e propria bagarre per i tre posti liberi >>> LEGGI QUI. Una lotta di tutti contro tutti che porterà a ricorsi e controricorsi a cascata, di durata non precisabile.

I club che intendono partecipare dovranno depositare la prescritta documentazione entro domani, venerdì 27 luglio. Potremo così avere un primo quadro della situazione.

Certo è che in terza serie sono in cinque a farsi la guerra per tre posti. Si tratta di Catania, Novara, Pro Vercelli, Robur Siena e Ternana. Quali di questi club saranno costretti a rimanere in C? Una situazione paradossale che sta impantanando il calciomercato.

In quanto alle squadre B sembra che il progetto, legato di fatto a un gioco di plusvalenze (unico elemento che giustificherebbe la partecipazione di un club della massima serie a un torneo negletto come la C dietro esborso di 1milione e 2oomila euro), potrebbe interessare la sola Juventus. Il Milan e il Torino avrebbero messo la retromarcia.

Infine c’è la situazione dell’Entella. Il club ligure sperava nella riammissione al posto di una tra Cesena (per il processo plusvalenze) e Foggia. In entrambi i casi le sentenze di un calcio che ormai si gioca in tribunale sono state sfavorevoli. Ma il presidente dell’Entella non molla. Anche in questo caso si prevedono ricorsi a cascata.

E così, di fermata in fermata, il precario calcio italiano procede verso il baratro. Sferragliando come un vecchio treno a vapore.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi