Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

Gli avvisi ai naviganti sono ricorrenti. Una Serie C così strutturata non ce la fa più a stare in piedi. Troppi club sono schiacciati da debiti strabordanti.

Le partite non si giocano più in campo ma nei tribunali, federali e non. I tifosi non capiscono più nulla. Sono disorientati e disillusi.

I bilanci in profondo rosso favoriscono continui passaggi di mano delle società e comportano l’infiltrazione di millantatori di ogni risma, il più spesso i soliti noti. 

La terza serie nazionale è investita da una bufera finanziaria che rischia di spazzare via tutto, se quanti occupano le stanze dei bottoni non si decideranno a correre ai ripari.

La situazione è aggravata dall’obsolescenza di stadi decrepiti, dalla mancanza cronica di risorse e da uno stato di precarietà generale che sfocia in un declino tecnico inevitabile.

Dov’è finita la Serie C di una volta, vero serbatoio delle categorie superiori e in certi casi anche della Nazionale?

Di fronte a questo innegabile sfascio, anziché leggere di proposte condivise che rendano la categoria equa e sostenibile, dilaga un provincialismo mentale diffuso a (quasi) tutti i livelli che induce a non guardare oltre gli angusti confini del proprio orticello.

Un atteggiamento mentale che provocherà, prima di quanto si creda, danni irreparabili.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film