Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

La situazione kafkiana che sta vivendo il calcio italiano non scivolerà via senza lasciare scorie forse impossibili da eliminare.

Il fatto è che il mondo pallonaro italiano ha toccato molte volte il fondo, nel corso della sua lunga e travagliata storia. Ma, pressocchè sempre, ciò è accaduto per elementi degenerativi intrinseci al sistema (il calcioscommesse docet).

In questo caldo settembre del 2018 tutto sta tracimando per altre cause. La B e la C sono finite nel tritacarne giudiziario. Nelle aule dei Tribunali, sportivi e non, si sta consumando l’eutanasia di un sistema che era già alla canna del gas.

Se la B ha deciso di partire comunque, la terza serie si è impantanata e avvitata su se stessa. Gabriele Gravina, in odore di presidenza Figc, ha scelto la strada del temporeggiamento. Avrà fatto bene? Ai posteri l’ardua sentenza.

Il risultato è un campionato a ranghi ridotti e iniziato in ritardo, che continua a perdere pezzi (leggi alla voce Entella). Sette club vivono dentro a un limbo. Cinque per la squallida vicenda ripescaggi. Uno, la Viterbese, per l’arrabbiatura di un patron che non accetta più le presunte vessazioni della Lega Pro. L’ultimo, il club ligure, perchè dovrebbe giocare in B ma ha già debuttato in C.

In tutto questo marasma i tifosi sono lasciati andare alla deriva, presi in mezzo a beghe leguleie nelle quali gli avvocati sguazzano e incassano pingui parcelle (il cui saldo va a scapito del budget disponibile per la squadra). Nel frattempo molti stadi restano chiusi e, in quelli aperti, si gioca spesso per pochi intimi se non a porte chiuse (vedi il caso Rieti).

Quando prende lo sconforto, il passo è breve dal disincanto all’indifferenza. Il peggiore di tutti i mali, come da gramsciana memoria. Se i tifosi diventano indifferenti, chi continuerà a scrivere e raccontare la “grande storia del club”?

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni14 ore fa

Serie A Femminile, il ruolo cruciale del Centro Sportivo

È stato detto che la Divisione Femminile ha due anime. Una radicata nel professionismo maschile e l’altra di matrice dilettantistica. La seconda anima...

Editoriali4 giorni fa

Serie A Femminile verso il professionismo, una sfida complicata?

Si avvicina (pericolosamente?) l’era professionistica della serie A Femminile. Quando ci si trova nell’imminenza di passaggi così ardui, servono progetti...

Opinioni4 giorni fa

Serie A Femminile, cultura dei vivai e professionismo

La transazione verso il professionismo della Serie A Femminile, gestita dalla Divisione Femminile guidata da Ludovica Mantovani e dalla Figc...

Opinioni4 giorni fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono sempre ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato...

Editoriali6 giorni fa

Serie A Femminile, come nani sulle spalle di giganti

Tempus inesorabile fugit. La Serie A Femminile si avvicina, a grandi passi, verso la stagione del passaggio al professionismo. Il...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, quando il campionato non finisce mai

Il campionato di Serie A Femminile 2020-21 ha avuto inizio il lontano 22 agosto 2020. E però le squadre si...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Ben prima della pandemia che ha disastrato le vite degli umani, il calcio moderno veniva fatto correre a rotta di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film