Connect with us

Pubblicato

il

La situazione kafkiana che sta vivendo il calcio italiano non scivolerà via senza lasciare scorie forse impossibili da eliminare.

Il fatto è che il mondo pallonaro italiano ha toccato molte volte il fondo, nel corso della sua lunga e travagliata storia. Ma, pressocchè sempre, ciò è accaduto per elementi degenerativi intrinseci al sistema (il calcioscommesse docet).

In questo caldo settembre del 2018 tutto sta tracimando per altre cause. La B e la C sono finite nel tritacarne giudiziario. Nelle aule dei Tribunali, sportivi e non, si sta consumando l’eutanasia di un sistema che era già alla canna del gas.

Se la B ha deciso di partire comunque, la terza serie si è impantanata e avvitata su se stessa. Gabriele Gravina, in odore di presidenza Figc, ha scelto la strada del temporeggiamento. Avrà fatto bene? Ai posteri l’ardua sentenza.

Il risultato è un campionato a ranghi ridotti e iniziato in ritardo, che continua a perdere pezzi (leggi alla voce Entella). Sette club vivono dentro a un limbo. Cinque per la squallida vicenda ripescaggi. Uno, la Viterbese, per l’arrabbiatura di un patron che non accetta più le presunte vessazioni della Lega Pro. L’ultimo, il club ligure, perchè dovrebbe giocare in B ma ha già debuttato in C.

In tutto questo marasma i tifosi sono lasciati andare alla deriva, presi in mezzo a beghe leguleie nelle quali gli avvocati sguazzano e incassano pingui parcelle (il cui saldo va a scapito del budget disponibile per la squadra). Nel frattempo molti stadi restano chiusi e, in quelli aperti, si gioca spesso per pochi intimi se non a porte chiuse (vedi il caso Rieti).

Quando prende lo sconforto, il passo è breve dal disincanto all’indifferenza. Il peggiore di tutti i mali, come da gramsciana memoria. Se i tifosi diventano indifferenti, chi continuerà a scrivere e raccontare la “grande storia del club”?

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi