Connect with us

Pubblicato

il

Scadevano ieri i termini per la presentazione della nuova fideiussione, in sostituzione di quella Finworld presentata in fase di iscrizione, invalidata dal Consiglio di Stato in data 12 luglio. Dieci i club interessati, di cui due di Serie B ed otto di C.

Vediamo quindi nel dettaglio quale sono le situazioni risolte, quali dichiarate tale e quelle su cui aleggia ancora una cortina di incertezza.

Per quanto riguarda Palermo e Lecce, nessun problema da segnalare. Le due società hanno presentato una nuova fideiussione, nei termini previsti dalla Lega. Quindi nessuna penalizzazione in vista.

In cinque hanno dichiarato ufficialmente di aver depositato la nuova garanzia, in sostituzione della precedente. Si tratta di CuneoArzachena e della Juve Stabia per voce del DG Filippi. Anche il Rende, come asserisce il presidente Coscarella, dichiara di aver provveduto all’incombenza, così come il Siracusa per bocca dell’AD Santarcangelo. Anche il DG del Teramo, Capaldi, tranquillizza tutti dichiarando risolta la situazione.

Situazione poco chiara alla Lucchese, dove voci di corridoio danno per sostituita la vecchia fideiussione con la nuova voluta dalla Lega. Al momento però non ci sono comunicazioni ufficiali da parte di tesserati della società, e sono in molti a non vederci chiaro.

Stessa situazione al Pro Piacenza, dove allo stato attuale non ci sono informazioni in merito. Diversa la questione a Matera e alla Reggina. Della prima non si hanno notizie, mentre per i calabresi la posizione è chiara, la società ritiene la fideiussione Finworld valida e quindi non meritevole di sostituzione.

Ricordiamo inoltre che alcuni club interessati hanno chiesto una proroga per la presentazione della nuova fideiussione. Al momento non abbiamo notizie di accettazione della richiesta da parte della Federazione.

Da segnalare ancora che l’inosservanza del suddetto adempimento costituisce illecito disciplinare ed è sanzionata, su deferimento della Procura Federale, dagli organi della giustizia sportiva con l’ammenda di euro 800.000,00 per le società di Serie B e di euro 350.000,00 per le società di Serie C, nonché con la penalizzazione di 8 punti in classifica da scontarsi nel Campionato di competenza 2018/2019.

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi