Connect with us

Pubblicato

il

C’è stato un tempo non lontano in cui la reputazione era la stella polare degli umani. Soprattutto quando si ricoprivano cariche pubbliche e/o istituzionali a rischio di sovraesposizione mediatica.

La considerazione da parte di utenti e collaboratori era un tratto fondamentale in ambito professionale e aziendale. Per preservarla si optava per uno stile di vita sobrio, con tutte le rinunce conseguenti. La stima era un valore posto al di sopra ogni altra cosa.

Solo così si era veramente liberi di mettere la faccia nelle cose e nelle scelte, sempre e comunque, senza il terrore di essere messi alla gogna da attacchi più o meno trasversali che potevano mandare in frantumi una carriera o un’azienda.

Nel terzo millennio tutto è cambiato, sotto questo profilo. La reputazione è ormai un optional, del quale si può fare tranquillamente a meno. Uomini pubblici, professionisti e dirigenti aziendali si sentono sempre al centro di un complotto quando finiscono nel tritacarne di inchieste o di critiche che hanno spesso a che fare con una reputazione opaca e per niente conforme al ruolo che che ci si è ritagliati nella società.

A chi interessa più un simile stato dell’animo in un contesto in cui la stella polare è l’accumulo di cariche che danno visibilità, danaro e potere? Questo accade nella vita e accade nel calcio, sport che ne rappresenta l’indubbia metafora come sostiene Sartre.

Cosa aspettarsi dunque da quanti, ricoprendo cariche istituzionali fondamentali per il corretto funzionamento del sistema, se ne fregano altamente della reputazione puntando all’obiettivo di collezionare incarichi e poltrone?

C’è stato un tempo non lontano in cui il calcio italiano e i suoi dirigenti avevano una reputazione da difendere. Oggi non resta altro che uno sfascio crescente nel quale sono costretti a muoversi i tifosi, vera architrave di un sistema che li ha messi al bando in nome del business.

I tifosi, che rappresentano il lato etico del calcio, assistono annichiliti e disincantati alla marcia inarrestabile del mondo pallonaro verso uno sprofondo che inghiottirà le loro squadre del cuore.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi