Connect with us

Pubblicato

il

Ancora una settimana senza calcio, per i bistrattati tifosi gialloblù. La Viterbese resta ferma ai box per la quinta volta consecutiva, in attesa di decisioni che pioveranno dall’alto.

Il dopo è fatto di scenari ancora imperscrutabili. Il presente è pregno di un senso di vuoto che lo rende triste e insopportabile, perché il calcio è un gioco e ha bisogno del campo per suscitare entusasmo.

Il fatto è che nel calcio moderno non c’è più spazio per le emozioni. L’anima di questo sport che resta ancora bellissimo sono i tifosi, ormai confinati alla periferia del sistema.

Il campionato di serie C si è trasformato in un devastante pateracchio. Un caravanserraglio che ha molti e ben individuati colpevoli, dentro al quale c’è il peggio che ci si possa immaginare.

Dalle parti di Viterbo sussiste il rischio concreto che evapori ogni residua traccia di entusiasmo. È possibile che alla fine tutto si risolva per il meglio e che la passione rinfocoli ardori che sembrano pericolosamente spenti.

E però i postumi di una grave malattia sono sempre complicati da smaltire. Nel calcio solo il tempo e i risultati, se il fato favorirà il club gialloblù, potranno aiutare a superare questo inenarrabile stallo. Che la “buena suerte” sia con loro.

* * * *  *

“Una volta alla settimana il tifoso fugge dalla sua casa e va allo stadio. Quando la partita si conclude il sole se ne va e se ne va anche il tifoso. Scende l’ombra sullo stadio che si svuota. Il tifoso si allontana, si sparpaglia, si perde, e la domenica è malinconica come un mercoledì delle ceneri dopo la morte del carnevale”(Splendori e miserie del gioco del calcio, Eduardo Galeano)

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali12 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi