Connect with us

Pubblicato

il

Mai come quest’anno la Serie C è stata fatta precipitare in un caos cosmico. Giorgio Grassi, presidente del Rimini, in risposta a una lettera ricevuta ieri dal presidente della Lega Francesco Ghirelli, ha diffuso una nota ufficiale ricca di spunti per gli addetti ai lavori. Ne stralciamo alcune parti (QUI la versione integrale). 

“…siamo stati martoriati da decisioni assunte sopra le nostre teste, in spregio delle regole più elementari e tuttora non riusciamo a intravvedere soluzioni che diano ristoro a quanto patito…c’è solo frustrazione, rabbia, indignazione e una gran voglia di indossare anche solo metaforicamente dei bei gilet gialli e far la rivoluzione… non si può andare avanti, siamo vicino al collasso del sistema, ci sono già molte società che si sono iscritte in maniera truffaldina, il campionato è falsato, si registrano condizioni di palese concorrenza sleale e chi più ne ha più ne metta…”

“…non abbiamo neanche affrontato minimamente i grandi temi che più ci interessano, dall’insufficienza delle risorse a disposizione, all’esosità degli obblighi fiscali, dai costi della sicurezza all’accanimento dei controlli formali sulle società sane e di converso alla superficialità con cui vengono poi iscritte ai campionati società già in condizioni di inadempienza conclamata”.

E’ già finito l’anno, ma non c’è ancora una risposta sulla richiesta di semiprofessionismo (che cosa sarà mai?), la concessione dell’apprendistato come per tutte le altre aziende commerciali, strategie di marketing per recuperare risorse supplementari, royalties sulle scommesse che si fanno sulle nostre partite. La serie C Italiana è la categoria più bistrattata d’Europa, non c’è un solo paese dove si registrino tante criticità, fallimenti e anomalie come da noi”.

Vogliamo parlarne seriamente all’interno di tutto il sistema calcio, con il governo, con il Coni o si è scelta la deriva e l’inevitabile eutanasia?”.

“A Babbo Natale oggi chiederemo solo che ci siano regole forti, che vengano poi rispettate e fatte rispettare e che i buoni e gli onesti non debbano per forza essere sopraffatti da predoni e  avventurieri

Un intervento da sottoscrivere integralmente, parola per parola.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi