Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

Nel pianeta calcio italiano, avviato verso una deriva infinita, poco o nulla sembra cambiare. Quando e se qualcosa cambia, cambia sempre e solo in peggio.

In quanto al mondo pallonaro della Serie C lo stato è, da lustri, comatoso. Nulla conta il fatto che il presidente di turno si eserciti pedissequamente a inondare il contesto di fiumi di parole, alle quali non seguono soluzioni e fatti concreti. 

In terza serie nazionale i tifosi assistono, con rabbia crescente mista a disincanto, all’opaco scenario che si reitera con regolarità svizzera a ogni inizio di stagione. Anche la Lega Pro targata Francesco Ghirelli non è riuscita a sfuggire alla regola. Oggettivamente è finita in panne.  

Il panorama della C è costellato da fideiussioni farlocche, fallimenti incombenti, squadre che non scendono in campo (Pro Piacenza) o schierano la formazione Berretti (Matera) impallinata dal fortunato di turno (Reggina), discutibili passaggi di proprietà in pieno corso di campionato (Lucchese), penalizzazioni a go-go e mancato rispetto delle comuni regole di buon senso.

Tutto sembra proprio andare a rotoli. Il torneo di serie C sarà falsato per l’ennesima volta, a dispetto dei fiumi di parole con cui si cerca di imbambolare il contesto. Intanto la categoria affonda sempre di più nella melma. Le classifiche sono, ormai, solo un’opinione.

Purtroppo per i tifosi non si intravedono, all’orizzonte, personaggi pronti a mettersi veramente in gioco per cercare di rovesciare il tavolo. Nel calcio, come nella vita, ci sarebbe un disperato bisogno di “leader che non siano innamorati del denaro, ma della giustizia e che non siano innamorati della pubblicità, ma dell’umanità” come diceva Martin Luther King.

Sarà mai possibile intercettare umani in grado di cambiare davvero le cose, alle nostre sfiancate latitudini? Capaci di dire quello che pensano e di pensare quello che dicono? Animati dalla voglia di restituire ai tifosi il rispetto e il calcio che si meritano?

L’utopia ci porta ancora a sperare che, prima o poi, qualcuno possa cambiare le cose per davvero. E se non ora, con i venti di crisi che soffiano peggio della bora, quando? 

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 giorno fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni3 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film