Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Per restituire al sistema calcio la credibilità persa l’estate scorso in seguito alla querelle che ha visto coinvolta la serie B e ha trascinato a fondo la serie C, il Comitato di Presidenza della FIGC coordinato dal presidente Gabriele Gravina (a cui ha preso parte anche il vice presidente vicario Cosimo Sibilia) ha deciso che è necessaria anche una dimensione sociale più qualificata.

Va in questa direzione l’inaugurazione del programma educativo Freed by Football. Il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Gabriele Gravina e il presidente del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria Roberto Di Bella hanno siglato oggi a Roma un importante protocollo, che ha come obiettivo l’avvio di un progetto pilota sull’educazione, la rieducazione e l’integrazione di ragazzi costretti in situazioni di marginalità.

Freed by Football’, infatti, è rivolto ai giovani sottoposti all’istituto della ‘messa alla prova’, minori stranieri non accompagnati e minori cresciuti in famiglie mafiose o in contesti di deprivazione socio-familiare, e pone al centro del programma educativo la conoscenza e la pratica del gioco del calcio quale potente strumento di socialità e di riabilitazione. Senza contare che valorizzare la dimensione sportiva equivale ad investire sulla salute e sul sano sviluppo dei giovani e della società civile.

Da segnalare anche il lavoro portato avanti in sinergia con il Governo per la progettualità con le scuole, rimarcato dalla visita in FIGC del Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.

Redazioneweb

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film