Connect with us

Pubblicato

il

In Italia il calcio, come pure la politica di cui è considerato una metafora, da un pezzo ha perso ogni slancio. Non è un sistema proiettato verso il futuro, bensì intrappolato nella sterile gestione di un eterno e obsoleto presente.

Il mondo pallonaro italiano sembra biecamente teso  a preservare lo status quo. Si punta a tutelare gli interessi dei pochi, a scapito di quelli dei molti. Nella fattispecie i tifosi, architrave del sistema. 

Nessuno sembra più capace di vendere i sogni, materia prima di questo bellissimo sport. Anche a livello di club si assiste al succedersi di presidenze e dirigenze opache, inadeguate a trainare una passione che si sta inaridendo ma che, nonostante tutto, continua a sopravvivere. 

I giovani, dove sono finiti? Evaporati dagli spalti, dove l’età media degli spettatori non fa che salire. Come è vecchio il manico, altrettanto lo sta diventando il pubblico. Per tornare ad attrarre i giovani, sui quali si dovrebbe costruire il futuro, occorrerebbe uno scatto di fantasia che nessuno pare in grado oggi di produrre.  

La gestione strascicata di un derelitto presente potrebbero seppellire anche gli ultimi ardori. Non è questo il calcio che vorremmo. Prigioniero dei suoi errori e delle sue stanche abitudini.  

Bertolt Brecht ha detto: “Beato il popolo che non ha bisogno di eroi”. Così non sembra essere per il pianeta calcio italiano, che di eroi ha sempre avuto un’assoluta necessità.

Club ben amministrati, inseriti all’interno di un sistema regolato da interessi generali, non avrebbero bisogno per risolvere i loro problemi vivere nell’attesa del solito cavaliere bianco. Quello che ogni tifoseria confida di vedersi paracadutare da chissà dove quando arrivano i tempi cupi che potrebbero prima o poi toccare a tutti.

Servirebbe ben altro, al pianeta calcio italiano, per fare a meno di eroi. Occorrerebbero personaggi  con il carisma, abili a manovrare il timone di una navicella che non sa più prendere il largo e continua a navigare in acque limacciose.

Sergio Mutolo

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Nazionale, Serie A e professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

L’estate è torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa....

Nazionale1 settimana fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 settimane fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale3 settimane fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Calciomercato4 settimane fa

Serie A Femminile: il Parma mostra i muscoli e si candida come la sorpresa?

Il Parma inizia come meglio non sarebbe stato possibile la stagione che, in serie A Femminile, segnerà l’esordio del professionismo....

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile ha bisogno della Nazionale: sosteniamola senza se e senza ma

Il pareggio con l’Islanda, che avrebbe anche potuto diventare una vittoria, riapre il cuore dei tifosi alla speranza. Uso la...

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile, la Nazionale e l’Islanda: una questione di passione e di rispetto

Stasera la Nazionale femminile guidata dalla ct Milena Bertolini è chiamata a un esame di riparazione, dopo la pesante sconfitta...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi