Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

Molti anni fa (era il 2009) mi capitò di assistere a uno spettacolo teatrale di Marco Paolini, “Miserabili. Io e Margaret Thatcher”. Un racconto in forma di ballata. L’attore, accompagnato in scena dal trio Mercanti di Liquore, narrava la metamorfosi dell’Inghilterra al tempo della Lady di Ferro.

L’ex premier inglese – che, per quanti non lo ricordano, fu l’artefice negli anni ’80 della riforma del mercato del lavoro inglese al tempo della rivoluzione postindustriale – diventa il simbolo vivente del mutamento della società. Per gli inglesi, furono anni di lacrime e sangue.

Nello spettacolo Paolini si rivolge alla realtà italiana dell’epoca, attraversata da una crisi economica destruente. Che si trasformerà in uno status quo.

Ti piace far la stronza e farmi disperare, ma so che un giorno o l’altro ti rivedrò a ballare”. Così Paolini, nella ballata finale dello spettacolo. Parla non a una donna, ma all’Italia che ama visceralmente. Nella cui rinascita spera. E, fortemente, crede.

Il sistema Italia ha capacità e risorse umane che lo hanno fatto passare indenne attraverso mille bufere. Lo dimostra la storia del nostro Paese che, ogni volta, è riuscito a rinascere dalle sue ceneri.

Avverrà anche stavolta, in una fase di crisi sanitaria globale in cui ogni Stato e ogni singola comunità/persona sono chiamati a fare la sua parte. Il popolo italiano non si lascerà travolgere e massacrare dal maledetto coronavirus, che ha stravolto le nostre vite, senza reagire come sa fare.

Con l’Italia anche il calcio, uno sport bellissimo che è metafora della vita, saprà rinascere dalle sue ceneri. E tornerà a ballare. Perché così è ciclicamente avvenuto nella sua lunga storia, che si sovrappone a quella del Bel Paese. E perché nella vita, quando si parla di cose che si amano nel profondo, la speranza deve essere sempre l’ultima a morire. 

Sergio Mutolo

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 giorni fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni3 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film