Connect with us

Pubblicato

il

Molti anni fa (era il 2009) Marco Paolini portava in giro per l’Italia lo spettacolo teatrale “Miserabili. Io e Margaret Thatcher”. Un racconto in forma di ballata. Accompagnato in scena dal trio Mercanti di Liquore, l’attore narrava la metamorfosi dell’Inghilterra al tempo della Lady di Ferro.

L’ex premier inglese – che, per quanti non lo ricordano, fu l’artefice negli anni ’80 della riforma del mercato del lavoro inglese al tempo della rivoluzione postindustriale – diventa il simbolo vivente del mutamento della società. Per gli inglesi, furono anni di lacrime e sangue.

Nello spettacolo Paolini si rivolge alla realtà italiana dell’epoca, attraversata da una crisi economica destruente. Che si trasformerà in uno status quo.

Ti piace far la stronza e farmi disperare, ma so che un giorno o l’altro ti rivedrò a ballare”. Così Paolini, nella ballata finale dello spettacolo. Non parla a una donna, ma all’Italia che ama visceralmente. Spera, e fortemente crede, nella sua ripresa.

Il sistema Italia ha capacità e risorse umane che lo hanno fatto passare indenne attraverso mille bufere. Lo dimostra la storia del nostro Paese. Ogni volta, come la Fenice, è riuscito a rinascere dalle sue ceneri.

Avverrà anche stavolta, in una fase di crisi sanitaria globale che chiama a raccolta ogni singolo Stato e ogni singola comunità/persona. Il popolo italiano non si lascerà travolgere e massacrare dal maledetto coronavirus, che ha stravolto le nostre vite, senza reagire come sa fare.

Così dovrà essere anche per il calcio, sport bellissimo che è metafora della vita. Tornerà a ballare. Perché così è ciclicamente avvenuto nella sua lunga storia, che si sovrappone a quella del nostro Paese. E perché nella vita, quando si parla di cose che si amano nel profondo, la speranza deve essere sempre l’ultima a morire.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi