Connect with us

Pubblicato

il

Mancano cinque giornate e il campionato della Serie A Femminile 2020-21 si avvia verso la conclusione. La Juventus Women, trascinata dal capocannoniere Cristiana Girelli (20 reti), inanella una vittoria dietro l’altra e occupa saldamente la prima posizione in classifica con sei punti di vantaggio sul Milan. La prova di forza dimostrata nel turno precedente, con il roboante 9-1 inflitto alla malcapitata Pink Bari, dimostra la fame di vittoria delle bianconere di coach Guarino.

A contendersi il secondo posto, che stabilirà il secondo club partecipante alla Champions League della prossima stagione, troviamo Sassuolo Femminile e Milan Femminile. Le rossonere di Ganz hanno cinque punti di vantaggio sulle neroverdi di Piovani. Un vantaggio che potranno gestire comodamente, considerato il grande stato di forma di Valentina Giacinti (16 reti, subito dietro a Girelli), confermato dalla rete segnata in Nazionale contro l’Islanda.

Al quarto posto la Roma Femminile di Betty Bavagnoli, che gioca forse il migliore calcio della Serie A Femminile, si è svegliata un po’ in ritardo e vanta molte individualità di spicco. La Fiorentina Femminile di mister Cincotta occupa il quinto posto, distaccata dalle rossonere di ben cinque punti.

Seguono l’Empoli Ladies di coach Spugna (24 punti) e la Florentia San Gimignano di mister Carobbi (22, anche perché sconta un punto di penalizzazione), che si affronteranno sabato al Centro Sportivo di Monteboro. Due club che, forti di una posizione molto tranquilla, possono pensare a divertirsi in campo e organizzare già da ora la prossima stagione.

L’Inter Femminile di Sorbi, con i suoi 18 punti, non può certo dire di aver fatto un campionato all’altezza della previsioni della vigilia. Molto dovrà essere rivisto, il prossimo anno, per recitare un ruolo all’altezza del blasone del club. L’Hellas Verona Femminile di mister Pachera, a quota 16, punta a una salvezza tranquilla.

Tenuto conto che la Pink Bari, fanalino di coda con tre punti, è ormai retrocessa, il San Marino Academy di Conte e il Napoli Femminile di mister Pistolesi (che sta facendo un mezzo miracolo) appaiati a quota nove – si giocheranno la salvezza anche nello  scontro diretto alla quartultima di campionato in casa delle azzurre.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali12 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi