Connect with us

Pubblicato

il

Noi siamo come nani sulle spalle di giganti, così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non certo per l’acume della vista o l’altezza del nostro corpo, ma perché siamo sollevati e portati in alto dalla statura dei giganti”.

Lo ha scritto Bernardo di Chartres. Un concetto che attiene all’idea di cultura in senso lato, e che vale per uno sport di riconosciuta valenza sociale qual è il calcio, come frutto della continua costruzione di uomini e donne lungimiranti. Pur se nani rispetto ai grandi del passato, gli umani sono cresciuti perché li hanno sopravanzati. Sono riusciti a progredire sulla scia di quanto di buono fatto in precedenza.

L’imminente passaggio al professionismo di un movimento, come quello femminile, già gravato da numerose criticità >>> “Professionismo, la Serie A Femminile ha troppe criticità?” e appena uscito da una pandemia che (forse) solo ora sta mollando la presa, poggia sulle radici che ne hanno alimentano la “grande storia”. Solo facendo riaffiorare queste radici, la temibile sfida del futuro potrà essere affrontata a viso aperto.

Se è vero che anche le notti più buie a un certo punto finiscono, è vero anche che hanno bisogno di sogni visionari. Immaginare il futuro della Serie A Femminile con un occhio rivolto al passato, permetterà di affrontare un presente che appare ancora molto precario.

Per progredire il mondo pallonaro in rosa deve saper salire sulle spalle dei giganti, consapevole di essere un nano. Senza mettere in campo la cultura e la resilienza che sono alimentate dall’umiltà, la Divisione Calcio Femminile guidata da Ludovica Mantovani potrebbe non farcela ad andare tanto lontano. Anzi, potrebbe finire per non andare da nessuna parte.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film