Connect with us

Pubblicato

il

A ieri, sono 7.900 i biglietti emessi per Italia Svizzera, la partita che potrebbe dare una svolta decisa al girone e che si disputerà venerdì allo stadio ‘Renzo Barbera’ di Palermo (calcio d’inizio ore 17,30, diretta tv su Rai2). Cresce l’attesa per la sfida al vertice del Gruppo G di qualificazione ai prossimi Mondiali. Già nei giorni scorsi era stato sottolineato dalle protagoniste azzurre il calore del pubblico siciliano, ricevuto in prima persona due anni fa, quando la Nazionale femminile affrontò al ‘Barbera’ la Bosnia in una gara di qualificazione ai prossimi Europei.

Questa volta il percorso delle ragazze di Milena Bertolini deve invece condurre ai Mondiali del 2023, quelli che si disputeranno in Australia e Nuova Zelanda, e per staccare il biglietto per la prossima Coppa del Mondo senza passare dai playoff, sarà necessario vincere il proprio girone di qualificazione. Al momento Italia e Svizzera guidano il raggruppamento a punteggio pieno, con dodici punti in quattro giornate.

Una gara di cartello, che – oltre a una cornice di pubblico di rilievo – potrà contare anche su una direzione di gara di assoluto livello internazionale: ad arbitrare il confronto sarà infatti la francese Stephanie Frappart, già fischietto della finale del Mondiale femminile del 2019, tra Stati Uniti e Paesi Bassi, e della Supercoppa Europa maschile, sempre del 2019, tra Liverpool e Chelsea. La quaterna arbitrale tutta francese sarà completata dalle assistenti Manuela Nicolosi ed Elodie Coppola, e dal quarto ufficiale, Savina Elbour.

L’elenco delle convocate.

Portieri: Francesca Durante (Inter), Laura Giuliani (Milan), Katja Schroffenegger (Fiorentina);
Difensori: Valentina Bergamaschi (Milan), Lisa Boattin (Juventus), Lucia Di Guglielmo (Roma), Sara Gama (Juventus), Martina Lenzini (Juventus), Elena Linari (Roma), Cecilia Salvai (Juventus), Angelica Soffia (Roma);
Centrocampiste: Norma Cinotti (Empoli), Manuela Giugliano (Roma), Maria Teresa Pandini (Inter), Flaminia Simonetti (Inter);
Attaccanti: Barbara Bonansea (Juventus), Agnese Bonfantini (Juventus), Valentina Giacinti (Milan), Cristiana Girelli (Juventus), Benedetta Glionna (Roma), Valeria Pirone (Roma), Annamaria Serturini (Roma).

Fonte testo e foto: Figc Femminile

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi