Connect with us

Pubblicato

il

Il calcio moderno, schiacciato dalle esigenze perverse del business a tutti i costi, riuscirà a cambiare strada? Lo sport più bello e più seguito del mondo sembra avvitato su se stesso, soprattutto in Italia. La deriva in cui è stato cacciato ha raggiunto livelli di guardia, che lasciano poco spazio alla speranza.

Il disincanto dilaga tra i tifosi. Si fa strada l’indifferenza, il peggiore di tutti i mali. Un sentimento negativo che rischia di infilare il calcio, stavolta per davvero, in un vicolo cieco. Perché senza l’apporto dei tifosi, che ne sono la linfa vitale, il calcio muore.

L’indifferenza va combattuta in tutte le sue forme. Urge riaprire la strada del movimentismo, puntare sul coraggio delle opinioni. Occorre mettere in campo proposte e soluzioni.  Oggi più che mai in Italia è fondamentale schierarsi, far fronte comune, difendere ciò in cui si crede. Anche per ridare linfa a un sistema calcio sempre più deludente.

Nel saggio “La Città futura”, scritto in carcere, Antonio Gramsci ha chiarito questi concetti come pochi altri. Il paragone non sembri irriverente. Il calcio è una metafora della vita e della politica (come dimostra il linguaggio usato spesso a sproposito da certi nostri opachi governanti).

L’indifferenza è il peso morto della storia. Ciò che accade intorno a noi non è tanto dovuto all’iniziativa dei pochi che operano, quanto all’indifferenza e all’assenteismo dei molti. Tutto quanto avviene al mondo non avviene perché alcuni vogliono che avvenga, ma perché la massa lascia fare. E, alla fine dei conti, ci rimettono tutti. Chi ha voluto e chi non ha voluto. Chi sapeva e chi non sapeva. Chi è stato attivo e chi, invece, indifferente”.

Questo scriveva Gramsci e questo dovremmo sottoscrivere tutti noi, sempre. Cosa fare allora? Battersi per combatterla, l’indifferenza. Stimolare comportamenti virtuosi. Tenere alta l’attenzione sui temi più cruciali. Smuovere acque diventate torbide. Sollecitare spirito di collaborazione sui tanti temi condivisi. Uscire dall’orticello in cui ci siamo rinserrati, complice un certo provincialismo retrivo. Partecipare al progresso del bene comune. Tutto, allora, sarà possibile.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Nazionale, Serie A e professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

L’estate è torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa....

Nazionale1 settimana fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 settimane fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale3 settimane fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Calciomercato4 settimane fa

Serie A Femminile: il Parma mostra i muscoli e si candida come la sorpresa?

Il Parma inizia come meglio non sarebbe stato possibile la stagione che, in serie A Femminile, segnerà l’esordio del professionismo....

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile ha bisogno della Nazionale: sosteniamola senza se e senza ma

Il pareggio con l’Islanda, che avrebbe anche potuto diventare una vittoria, riapre il cuore dei tifosi alla speranza. Uso la...

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile, la Nazionale e l’Islanda: una questione di passione e di rispetto

Stasera la Nazionale femminile guidata dalla ct Milena Bertolini è chiamata a un esame di riparazione, dopo la pesante sconfitta...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi