Connect with us

Pubblicato

il

Il calcio moderno, schiacciato dalle esigenze perverse del business a tutti i costi, riuscirà a cambiare strada? Lo sport più bello e più seguito del mondo sembra avvitato su se stesso, soprattutto in Italia. La deriva in cui è stato cacciato ha raggiunto livelli di guardia, che lasciano poco spazio alla speranza.

Il disincanto dilaga tra i tifosi. Si fa strada l’indifferenza, il peggiore di tutti i mali. Un sentimento negativo che rischia di infilare il calcio, stavolta per davvero, in un vicolo cieco. Perché senza l’apporto dei tifosi, che ne sono la linfa vitale, il calcio muore.

L’indifferenza va combattuta in tutte le sue forme. Urge riaprire la strada del movimentismo, puntare sul coraggio delle opinioni. Occorre mettere in campo proposte e soluzioni.  Oggi più che mai in Italia è fondamentale schierarsi, far fronte comune, difendere ciò in cui si crede. Anche per ridare linfa a un sistema calcio sempre più deludente.

Nel saggio “La Città futura”, scritto in carcere, Antonio Gramsci ha chiarito questi concetti come pochi altri. Il paragone non sembri irriverente. Il calcio è una metafora della vita e della politica (come dimostra il linguaggio usato spesso a sproposito da certi nostri opachi governanti).

L’indifferenza è il peso morto della storia. Ciò che accade intorno a noi non è tanto dovuto all’iniziativa dei pochi che operano, quanto all’indifferenza e all’assenteismo dei molti. Tutto quanto avviene al mondo non avviene perché alcuni vogliono che avvenga, ma perché la massa lascia fare. E, alla fine dei conti, ci rimettono tutti. Chi ha voluto e chi non ha voluto. Chi sapeva e chi non sapeva. Chi è stato attivo e chi, invece, indifferente”.

Questo scriveva Gramsci e questo dovremmo sottoscrivere tutti noi, sempre. Cosa fare allora? Battersi per combatterla, l’indifferenza. Stimolare comportamenti virtuosi. Tenere alta l’attenzione sui temi più cruciali. Smuovere acque diventate torbide. Sollecitare spirito di collaborazione sui tanti temi condivisi. Uscire dall’orticello in cui ci siamo rinserrati, complice un certo provincialismo retrivo. Partecipare al progresso del bene comune. Tutto, allora, sarà possibile.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi