Nazionale Femminile, Azzurre senza nerbo: Italia-Brasile 0-1

L’Italia esce battuta con il minimo scarto nella partita amichevole giocata contro il Brasile al “Ferraris” di Genova.

Il risultato di misura può essere (è) menzognero. Alla formazione verdeoro è sufficiente un gol di Adriana segnato al 47′, in apertura del secondo tempo, per vincere una partita noiosa e senza sussulti. L’Italia non è mai riuscita a tirar fuori veramente la testa.

Si sono contati errori a ripetizione in fase di impostazione su entrambi i fronti e la gara è stata nel complesso deludente e non all’altezza delle potenziali qualità delle due contendenti.

Dopo un primo tempo in cui le Azzurre sono apparse più dinamiche e hanno giocato anche meglio delle sudamericane, il gol di Adriana ha spezzato il fiato alle giocatrici della ct Milena Bertolini.

Replicando un film già visto nel recente Europeo, le Azzurre dopo il gol subito sono uscite mentalmente dalla partita e non hanno avuto la capacità di rendersi in qualche modo pericolose dalle parti della porta difesa da Leticia. Una squadra, l’Italia, apparsa demotivata e spompata.

Senza contare che l’undici iniziale era spuntato. Non si capisce come Bertolini abbia potuto pensare di violare la porta di Adriana con uno schieramento iniziale del genere.

Un 3-5-1-1 di partenza molto discutibile, considerato che in panchina c’erano giovani di prospettiva che potevano essere utilizzate da subito (Bonfantini, Cafferata, Cantore, Catena, Glionna e Polli). E invece, niente di niente. More solito, come dicevano i latini.

Il (modesto) Brasile ha fatto il compitino, ha sfruttato le ripartenze e si è limitata ad aspettare il momento opportuno per colpire e affondare la nostra Nazionale.

L’Italia proverà a rifarsi nelle prossime amichevoli in preparazione al Mondiale, che si disputerà nel 2023 in Australia e Nuova Zelanda.

L’impressione dall’esterno, però, è abbastanza nitida.  La maggior parte di queste giocatrici ha già dato. Un ciclo sembra (irrimediabilmente?) chiuso. Non si capisce cosa si riuscirà a ottenere di più e di meglio, in futuro, da questo gruppo monolitico.

Fonte foto: Figc Nazionali

You may also like

Cala il silenzio sul futuro della Nazionale Femminile: una scelta condivisibile?

Alzi la mano chi non ha amato la