Il calcio femminile ha bisogno della Nazionale: sosteniamola senza se e senza ma

Il pareggio con l’Islanda, che avrebbe anche potuto diventare una vittoria, riapre il cuore dei tifosi alla speranza.

Uso la parola ‘cuore’ perché la Nazionale femminile italiana è, a mio parere, una questione di passione e di rispetto: le ragazze del calcio femminile se li sono conquistati sul campo e non per caso 👉🏽 leggi QUI.

Il passaggio delle Azzurre al turno successivo gioca un ruolo chiave anche in prospettiva futura.

Il momento storico è cruciale per tutto il movimento. Il passaggio a un professionismo ancora tutto da costruire, è una sfida da giocare e da vincere.

Le prestazioni della Nazionale sarebbero (sono) di grande aiuto. Un indubbio traino per affrontare scelte decisive a medio-lungo termine ormai ineludibili.

Contro il Belgio l’Italia delle ‘nostre’ meravigliose ragazze si gioca anche un pezzo di futuro del movimento. Ciò non significa volerle caricare di oneri impropri. Vuol dire, viceversa, prepararsi tutti indistintamente a sostenerle a spada tratta. Spingerle a vincere una partita che potrebbe avere risvolti epocali.

Non è il momento delle critiche, questo. È invece il momento di fare un tifo indiavolato che, a distanza, spinga le Azzurre verso la meta.

È anche tempo di ‘buena suerte’. C’è da augurarsi che, per una volta, sia tutta dalla nostra parte.

 

You may also like

Cala il silenzio sul futuro della Nazionale Femminile: una scelta condivisibile?

Alzi la mano chi non ha amato la