Sassuolo Femminile: il secondo posto è una montagna troppo alta da scalare?

Il Sassuolo Femminile sta giocando un campionato impeccabile. La classifica parla da sola. Le neroverdi di mister Piovani sono terze in classifica con 36 punti, staccate di appena tre lunghezze dalla seconda posizione occupata dalla Roma Femminile di Spugna.

Ci sono almeno due criticità di fondo, con le quali il tecnico emiliano si deve confrontare.

👉🏽 La prima è il sensibile rallentamento della corsa. Nelle ultime tre giornate sono appena due i punti portati a casa dal Sassuolo (pareggi con Milan in casa e con l’Empoli Ladies in trasferta, cui si è aggiunta la pesante sconfitta subita a Formello con la Lazio Women).

👉🏽 La seconda è la risicatezza della rosa, rispetto alla quale si poteva fare qualcosa di più nella finestra invernale di riparazione (➡️ Calciomercato e rosa), aggravata da una serie di perdite che hanno falcidiato ruoli chiave nei vari reparti.

✅ In difesa l’assenza di Orsi apre un vuoto importante nella zona centrale, considerato che Tamar Dongus non sta dando il meglio e sarà per di più squalificata (dunque assente nella gara con la Roma).

✅ A centrocampo la mancanza di Tomaselli ha pesato non poco nello sviluppo delle geometrie. La stessa Dubkova, pur sempre dinamica e meritevole, è in fase involutiva rispetto alle prestazioni strabordanti di alcune settimane fa.

✅ In attacco l’insostituibilità di Sofia Cantore è emersa in tutta la sua evidenza, sia in fase di finalizzazione sia in quella di assistenza. Le sue giocate mancano e tanto alla squadra. A tutto ciò si aggiunga che Bugeja è la pallida ombra della giocatrice che furoreggiava nella scorsa stagione. La stessa Clelland  sembra stanca. Cambiaghi è brava e si dà da fare, ma non riesce a essere decisiva come lo era Cantore.

La cartina al tornasole sarà la gara interna in programma per la diciottesima giornata con la Roma Femminile, apparsa a sua volta in difficoltà nell’ultima partita con il Milan di Ganz.

L’attuale Sassuolo è in grado di scalare la montagna che conduce al secondo posto, dietro la Juventus Women di Montemurro di fatto imprendibile per tutti? Questa è la domanda.

You may also like

Calcio femminile: realizzare sogni che non si può neanche immaginare di sognare

La materia di cui è fatto il calcio,