Serie A Femminile: il Parma pensa in grande

A proposito di stadi della Serie A Femminile.

Attraverso i propri canali ufficiali il Parma Femminile ha reso noto che le gare interne del campionato di serie A, nella stagione 2022-23, si disputeranno nel prestigioso palcoscenico dello Stadio Ennio Tardini.

Una scelta che fa onore al club e che scaturisce dalla precisa volontà inclusiva del presidente Kyle Krause. È stata presa “perché il calcio appartiene a tutti, unisce e aggrega senza alcun tipo di distinzione o discriminazione”.

Per questa ragione “si alterneranno al Tardini, regolarmente e non eccezionalmente a seconda dei calendari, le due Prime Squadre del club (quella Maschile e quella Femminile)”.

Al momento, nella massima serie, solo il Parma e la Sampdoria prevedono la condivisione del medesimo impianto, il più importante, per le proprie Prime Squadre Maschili e Femminili 👉🏽 leggi QUI dove giocheranno le 10 squadre di serie A.

Si tratta del “naturale prosieguo di un percorso che aveva già visto Crociati e Crociate prepararsi nella medesima località nel preseason, Pejo, e che quotidianamente condividono strutture e campi del Centro Sportivo di Collecchio”.

Il club crociato “al fine di favorire una maggiore partecipazione di sportivi alle gare della Serie A Femminile, novità assoluta nel nostro territorio, ha chiesto ed ottenuto dagli organismi competenti di poter ridurre la capienza dello stadio Ennio Tardini sotto le 7.500 unità, con l’apertura della sola Tribuna Petitot, con conseguente semplificazione della attività organizzative per rendere più agevole la presenza del pubblico”.

You may also like

Serie B Femminile: i risultati della 9a giornata consolidano il primato della Lazio

Dopo il pareggio per 2-2 nell’anticipo tra Arezzo