Serie A Femminile: sintesi 10a giornata (cronaca e tabellini partita per partita)

Partite 10a giornata Serie A TimVision 2021-22
Sabato 04/12/2021

La Juventus batte il Sassuolo, centra il 34° successo consecutivo nel torneo e si porta a +6 sulle emiliane in classifica. Si aggiudicano tre punti nelle altre due gare del sabato anche la Lazio e la Fiorentina, che battono Verona e Pomigliano.

  • FIORENTINA FEMMINILE – POMIGLIANO FEMMINILE 3-1

Vince, con un netto 3-1 sul Pomigliano, la Fiorentina di Panico. Le padrone di casa partono aggressive, ma la retroguardia campana rimane compatta e resiste fino al 43’, quando Catena guadagna un calcio di rigore e Sabatino dal dischetto sblocca il parziale. Il Pomigliano accusa il colpo e dopo un minuto incassano il raddoppio: palla dentro di Monnecchi, Lundin riceve e trafigge Cetinja. Dopo il doppio svantaggio le ospiti giocano con maggiore disinvoltura e provano ad approfittare di qualche disattenzione delle viola; ma i tentativi di Moraca, Banusic e Ippolito non vanno a buon fine. Al 70’ invece le undici di Panico calano il tris ancora con Sabatino, che stoppa di petto un pallone vagante nell’area piccola e segna il definitivo 3-0. Al 75’ le padrone di casa rimangono in dieci per l’espulsione rimediata da Cafferata e le ospiti all’87’ accorciano con Vaitukaityte.

Fiorentina Femminile – Pomigliano Femminile 3-1 (2-0)
43’ rig. e 70’ Sabatino (F), 44’ Lundin (F), 87’ Vaitukaityte (P)

Fiorentina Femminile (4-3-3): Schroffenegger; Vigilucci, Tortelli, Vitale, Cafferata; Catena, Neto (81’ Kravets), Huchet (76’ Breitner); Monnecchi (64’ Baldi), Sabatino (82’ Piemonte), Lundin. A disposizione: Tasselli, Forcinella, Zazzera, Ceci, Martinovic. Allenatore: Patrizia Panico.

Pomigliano Femminile (4-3-3): Cetinja; Fusini, Luik, Capparelli (46’ Ippolito), Cox; Tudisco, Ferrandi (57’ Salvatori Rinaldi), Vaitukaityte; Ferrario (86’ Apicella), Moraca, Banusic (73’ Puglisi). A disposizione: Russo, Buhigas, Ejangue, Lombardi, Massa. Allenatore: Domenico Panico

  • LAZIO WOMEN – HELLAS VERONA WOMEN 1-0

Le biancocelesti mettono a segno contro il Verona i primi tre punti nel campionato 21/22. Al “Fersini”, dopo un primo tempo di grande equilibrio e poche occasioni, arriva l’episodio che cambia il punteggio: Catelli atterra Visentin nella propria area, l’arbitro concede il penalty e Martin dal dischetto non sbaglia, siglando il suo quarto gol in campionato e firmando il primo successo delle biancocelesti nella competizione da maggio 2013.

Lazio Women – Hellas Verona Women 1-0 (0-0)
63’ rig. Martin

Lazio Women (4-3-3): Ohrstrom; Fordos, Pittaccio, Heroum, Falloni; Labate (39’ Pezzotti), Di Giammarino, Castiello; Chukwudi (66’ Cuschieri), Martin, Visentin. A disp.: Guidi, Natalucci, Savini, Santoro, Mattei, Berarducci. All.: Massimiliano Catini

Hellas Verona Women (4-4-2): Keizer; Horvat, Ledri (82’ Oliva), Mancuso (70’ Lotti), Jelencic (55’ Nilsson); Catelli (70’ Anghileri), Ambrosi, De Sanctis, Sardu; Rognoni, Pasini (55’ Cedeño). A disp.: Gritti, Errico, Rizzioli, Quazzico. All.: Matteo Pachera

  • SASSUOLO FEMMINILE – JUVENTUS WOMEN 0-2

Al “Ricci” il primo tempo si gioca tra ritmi alti in attacco e grande attenzione in difesa. La formazione di Montemurro e quella di Piovani, rispettivamente prima e seconda della classe, rimangono infatti sullo 0-0 fino al 58’, quando sul cross preciso di Nilden, Girelli (nella foto) trafigge di testa Lemey e porta avanti la Vecchia Signora. Un minuto dopo le neroverdi sfiorano il pari con Parisi, che calcia potente da fuori e costringe Aprile a una prodigiosa deviazione in corner. Cresce il Sassuolo, ma al 68’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, è ancora Girelli a trovare la deviazione vincente di testa e battere il portiere belga. Finisce 2-0 la trasferta bianconera in Emilia-Romagna, finisce con un’altra vittoria delle Campionesse d’Italia in carica, che allungano in vetta in campionato (30 punti frutto di 10 vittorie su 10) e da domani potranno concentrarsi sulla sfida di Champions League di mercoledì prossimo contro il Chelsea.

Sassuolo Femminile – Juventus Women 2-0 (0-0)
58’ e 68’ Girelli

Sassuolo Femminile (3-5-2): Lemey; Dongus, Mihashi, Filangeri (85′ Cambiaghi); Orsi, Parisi, Benoit (59′ Bugeja), Dubcova, Santoro; Cantore, Clelland (59′ Pondini). A disposizione: Lauria, De Bona, Brignoli, Ferrato, Pellinghelli, Iriguchi. Allenatore: Piovani.

Juventus Women (4-4-2): Aprile; Hyyrynen, Lenzini (76′ Lundorf), Salvai, Nilden (67′ Boattin); Bonfantini, Pedersen, Zamanian, Bonansea (93′ Pfattner); Hurtig (67′ Rosucci), Girelli (76′ Staskova). A disposizione: Peyraud-Magnin, Gama, Giai, Beccari. Allenatore: Montemurro.

Partite 10a giornata Serie A TimVision 2021-22
 Domenica 05/12/2021

  • NAPOLI FEMMINILE – EMPOLI LADIES 0-1

L’Empoli conquista tre punti importanti in trasferta contro il Napoli e alla squadra toscana basta una rete di Bragonzi al 9′. Proprio la classe 2001 si conferma come la più giovane calciatrice con almeno due gol all’attivo in questa Serie A (cinque). Inoltre quattro dei 5 gol in trasferta di Asia Bragonzi in A sono arrivati in Campania (3 contro il Napoli e uno contro il Pomigliano). Il Napoli – escludendo il 3-0 a tavolino contro l’Inter – ha perso 4 match casalinghi di fila per la prima volta in A e non riesce a invertire un trend negativo restando la squadra con il peggior attacco casalingo del campionato in corso: un solo gol segnato in casa dalle campane, contro la Fiorentina a settembre (rete che tuttavia aveva portato i tre punti). Il Napoli resta così nella parte ‘calda’ della classifica, in terzultima posizione.

Napoli Femminile – Empoli Ladies 0-1 (0-1)
12’ Bragonzi

Napoli Femminile (4-2-3-1): Aguirre; Erzen, Garnier, Di Marino (92’ Awona), Abrahamsson; Sara Tui, Goldoni; Imprezzabile (65’ Colombo), Popadinova,Toniolo (46’ Severini); Porcarelli (65’ Acuti). A disposizione: Chiavaro, Corrado, Capitanelli, Blanco, Kuenrath. All.: Domenichetti.

Empoli Ladies (4-4-2): Capelletti; Oliviero, Brscic (56’ Binazzi), Knol, Mella; De Rita, Bellucci, Prugna, Cinotti; Bragonzi (85’ Monterubbiano), Nocchi (61’ Dompig). A disposizione: Ciccioli, Sacchi, Nichele, Tamborini, Morreale, Nicolini. All.: Ulderici

  • MILAN FEMMINILE – INTER WOMEN 0-3

Il derby di Milano va all’Inter. Risultato tutt’altro che scontato visto che il Milan aveva vinto sette degli otto precedenti contro l’Inter in tutte le competizioni e visto anche il passivo subìto dalle rossonere. Dal primo calcio d’angolo della partita è arrivato il vantaggio dell’Inter: è il 13′ e Kathellen apre le danze. Al 27′ poi arriva il quarto gol in campionato di Ajara Njoya con uno splendido sinistro da fuori area. Esplode la panchina di Rita Guarino. Ma l’Inter non intende fermarsi e al 31′ arriva anche il tris. Un tocco di mano nell’area rossonera di Adami porta l’arbitro a fischiare e indicare il dischetto. Dagli undici metri va Karchouni che non sbaglia, anzi delizia tutti con un pallonetto e firma il 3-0 nerazzurro. Il Milan poi va a un passo dal riaprire il derby al 44′ ma il tiro di Giacinti si stampa sulla traversa e le nerazzurre si salvano. La gara si chiude dunque con un rotondo 3-0 per l’Inter che mantiene la porta inviolata e si porta a -1 in classifica proprio dalle rossonere. L’Inter colleziona la quarta vittoria consecutiva in tutte le competizioni; dato importante visto che da quando è stata promossa in Serie A non era mai arrivata a quattro successi di fila considerando ogni torneo. Il Milan invece interrompe la striscia di quattro vittorie di fila senza subire gol (tre successi in Serie A e uno in Coppa Italia).

Milan Femminile – Inter Women 0-3 (0-3)
13’ Kathellen 27’ Nchout 32’ rig. Karchouni

Milan Femminile (3-5-2): Giuliani – Arnadottir, Agard (65’ Stapelfedt), Fusetti (86’ Rizza) – Andersen, Grimshaw, Jane (86’ Selimhodzic), Adami, Bergamaschi – Thomas, Giacinti. A disposizione: Korenciova, Fedele, Longo, Tucceri Cimini, Miotto, Cortesi. All. Maurizio Ganz

Inter Women (4-3-2-1): Durante; Sønstevold, Kathellen, Alborghetti (46’ Landstrøm), Merlo; Csiszàr, Pandini (63’ Brustia), Karchouni (75’ Simonetti); – Bonetti, Marinelli (63’ M.Portales); Njoya Ajara (85’ Polli). A disposizione: Gilardi, Santi, Regazzoli, Vergani. All. Rita Guarino

  • SAMPDORIA WOMEN – ROMA FEMMINILE 1-2

Al Garrone la partita tra Sampdoria e Roma regala tante emozioni fino all’ultimo secondo. Le giallorosse partono subito forte e Paloma Lazaro gonfia la rete dopo appena 3 minuti con un colpo di testa ma l’arbitro annulla il gol per fuorigioco. Tuttavia la rete del vantaggio giallorosso non tarda ad arrivare, proprio con Lazaro. Un gol da centravanti puro: dopo il tiro al volo di Serturini e una respinta avversaria, la spagnola arriva sul pallone prima di tutte e firma il gol dell’1-0 per la Roma. È il suo terzo gol stagionale e per la prima volta Lazaro segna in trasferta per tre gare consecutive. Al 37′ Roma ancora avanti ma alle giallorosse viene annullato un altro gol. Questa volta è Ciccotti che gonfia la rete ma un tocco col braccio della stessa giocatrice ha vanificato la conclusione. Al 41′ l’iniziativa personale di Battelani non trova l’esito sperato ma diventa l’occasione più grande per le blucerchiate nella prima frazione: si smarca da tre avversarie e dai 25 metri vede la porta, calcia ma il pallone si perde di poco a lato del palo. Il primo tempo si chiude così sullo 0-1 per le ospiti. Undicesimo gol in Serie A nei primi 30 minuti per la Roma che confermano le giallorosse come la squadra più cinica sotto porta entro la prima mezz’ora come nessun’altra squadra di campionato. Nella ripresa però la Samp entra in campo con la determinazione giusta per riaprire la gara. E ci riesce al 57′ con la rete di Tarenzi (la terza consecutiva in casa) che batte Ceasar. La Roma però non molla e prova a tornare in vantaggio. Le occasioni più grandi arrivano a fine gara: all’88’ Serturini finalizza una ripartenza giallorossa ma l’intervento provvidenziale di Auvinen impedisce la rete del possibile 2-1 e salva la Sampdoria. Ancora Serturini ci riprova al 91′ ma il piattone finisce di poco fuori. Appuntamento col gol solo rimandato. L’assedio giallorosso infatti non si ferma e alla fine arriva all’ultimo secondo il gol vittoria. Il match viene deciso al 93′ dall’autorete di Novellino sul tiro di Giugliano: una deviazione decisiva su cui Tampieri non può nulla. Terza sconfitta casalinga per la Sampdoria; quarta vittoria esterna per la Roma che aggancia il Milan in classifica e la prossima giornata è attesa dal derby contro la Lazio.

Sampdoria Women – Roma Femminile 1-2 (0-1)
15’ Lazaro (R), 57’ Tarenzi (S), 93’ aut. Novellino (R)

Sampdoria Women (4-3-1-2): Tampieri; Bursi, Auvinen, Fallico, Novellino; Seghir (70’ Carp), Rincon, Giordano; Battelani; Martinez (46’ Wagner), Tarenzi. A disp.: Babb, Boglioni, Carrer, Bargi, Helmwall, Berti, Bruzzone. All. Antonio Cincotta

Roma Femminile (3-4-2-1): Ceasar; Pettenuzzo (46’ Soffia), Linari, Swaby; Serturini, Bernauer (77’ Pirone), Ciccotti (60’ Glionna), Vigliucci (77’ Borini); Andressa, Giugliano; Lazaro. A disp.: Baldi, Ghioc, Pacioni, Thaisa, Tall. All. Alessandro Spugna

Programma della 11a giornata di Serie A TimVision 2021-22
Sabato 11 e domenica 12 dicembre

Pomigliano-Napoli Femminile
Verona-Sampdoria
Inter-Sassuolo
Roma-Lazio
Empoli-Fiorentina
Juventus-Milan

 Serie A Femminile in un solo clic: cronaca e tabellini / partita per partita / giornata per giornata

You may also like

Serie B Femminile: i risultati della 9a giornata consolidano il primato della Lazio

Dopo il pareggio per 2-2 nell’anticipo tra Arezzo