Connect with us

Pubblicato

il

Con l’eccezione virtuosa di pochi e fortunati bacini, che resistono in virtù del senso di appartenenza consolidato nel tempo, i tifosi da stadio rientrano ormai nel contesto delle specie in via di estinzione.

È stata (dolosamente?) creata una razza geneticamente modificata, quella dei teleutenti da salotto, che nulla ha a che vedere con la partita vissuta dal vivo ai margini di un prato verde.

Se il calcio è diventato quello che è lo si deve alla sua natura nazional-popolare, alla sua trasversalità sociale. Se questo sport è bellissimo, ciò è legato alla partecipazione in presenza della gente. Se si voleva snaturare il calcio, l’obiettivo è stato centrato in pieno.

Il flop sistemico indotto dalla pandemia, con la crisi economica destruente che lascia in eredità, decimerà a breve scadenza il numero dei club che possono garantirsi un futuro sostenibile. Allontanerà dal mondo pallonaro le poche società virtuose che ancora resistono sulle barricate.

Senza contare che molti club, specie in alcune categorie del panorama professionistico italiano (leggi in particolare alla voce serie C), sono in balia di avventurieri di ogni specie con annesso codazzo di millantatori, nani e ballerine.

In questo pianeta sempre più proiettato verso un’orbita kafkiana, l’unica certezza rimasta sono i tifosi. Un appiglio sempre più precario, considerata la difficoltà di adeguarsi a dinamiche che li stanno trasformando in canne al vento. Il disincanto e l’indifferenza potrebbero assumere dimensioni esiziali.

Un cambiamento epocale del sistema calcio, ormai ineludibile, non può che ripartire dalle fondamenta. I tifosi, che sono i pilastri del mondo pallonaro, vanno coinvolti in qualsiasi progetto di riforma di un movimento che è marcito. Ne rappresentano il lato etico. Sono la sola ancora di salvezza alla quale attaccarsi, per sperare in un futuro sostenibile.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi