Connect with us

Pubblicato

il

Tamar Dongus, forte centrale difensivo, è una nuova calciatrice del Sassuolo Femminile. Agli ordini di mister Gianpiero Piovani è arrivata una professionista di consolidata esperienza e profonda conoscitrice del campionato di sere A Femminile, dopo la triennale esperienza con la maglia neroverde della Florentia San Gimignano.

Dongus si era raccontata a Sassuolo Channel, parlando delle sue precedenti esperienze e delle nuove aspettative: “Ho giocato in Germania all’Hoffenheim. Poi sono andata alla Florentia e da quest’anno sono a Sassuolo. Sono un centrale di difesa. Dal primo giorno mi sento di essere entrata a far parte di una grande famiglia, neroverde, come la Florentia. La mia storia è un po’ neroverde”.

Il primo approccio con il nuovo ambiente neroverde di Sassuolo era stato convincente: “Avevo buone sensazioni, credevo potesse essere la strada giusta da prendere ed ero molto contenta di questa possibilità. Sembrava una società con tanta umanità. Anche quando abbiamo giocato contro, a me è sempre piaciuto il modo di giocare del Sassuolo. Si sono visti i miglioramenti in questi anni. A me piace il lavoro qui: è una piccola società ma con tanta serietà”.

Il Sassuolo Femminile ha ambizioni importanti: “L’anno scorso ha fatto un grande lavoro. Io sono arrivata qui per aiutare il club a migliorare. Noi vogliamo ovviamente migliorare ma anche giocare bene, questo è sempre un obiettivo importante per me, quando giochiamo bene vuol dire che abbiamo fatto un bel lavoro fuori. Io personalmente voglio crescere, voglio imparare e migliorare, ad esempio fare gol con la testa, capire i limiti e provare a superarli. Mi piace giocare con la palla da dietro e non solo lanciarla”.

Il passaggio da una maglia neroverde all’altro non è stato traumatico per Tamar Dongus, che si porta questi colori appiccicati addosso da un bel pezzo. Giocatrice tedesca ma, per indole e tipologia di gioco ormai del tutto italianizzata, ha saputo dare al Sassuolo il grande apporto tecnico e agonistico che ha profuso in dosi industriali a San Gimignano. Tutti in Toscana la ricordano e la rimpiangono, anche per il suo modo speciale di avvicinarsi ai tifosi (nella foto).

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali7 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi