Connect with us

Pubblicato

il

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del testimone da Rita Guarino a Joe Montemurro è stata una scelta meditata. Ha dato al club bianconero quel quid di internazionalità che ancora le mancava.

✅ Montemurro, a sua volta, ha ripagato in pieno  la fiducia con il suo modo (del tutto peculiare) di guidare la squadra e di utilizzare la rosa. Roba che non si era mai vista a queste latitudini. Quale altro allenatore avrebbe lasciato in panchina per l’intera partita di Champions, a Ginevra, due moloc come Girelli e Bonansea (con Cernoia e Pedersen subentrate solo a gara in corso)?

✅ La decisione di cambiare allenatore esprime, molto più di mille parole, il coraggio e la lungimiranza di un uomo di calcio apprezzato da tutti per le sue capacità nell’ambiente del sistema calcio femminile. E non solo.

Braghin ha anche rilasciato una dichiarazione di alto valore prospettico a Tuttojuve.com: “Proporremo nuovi valori da parte della squadra. La missione non è solo quella di vincere le partite, ma è quella di proporre un calcio attrattivo per i tifosi. Dobbiamo ancora convincere le persone a seguire il calcio femminile che spesso per pregiudizi non è ancora apprezzato”.

✅ Una visione di futuro e una filosofia (pienamente) condivisibili. Gli auguriamo, di tutto cuore, le migliori fortune. C’è (un disperato) bisogno di dirigenti e di persone come lui nelle stanze dei bottoni.

✅ La sua scommessa è la nostra scommessa. E anche quella di quanti credono (sperano?) nell’affermazione del movimento femminile. Vincerla significherebbe dare fondamenta solide a una Serie A che si sta avviando verso il professionismo, a nostro parere, ancora piuttosto impreparata nel suo complesso per questa ardua transizione.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali6 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi