Connect with us

Pubblicato

il

Tutto è bene quel che finisce bene. Il Sassuolo Femminile porta a casa i tre punti, come era nelle previsioni della vigilia. Ma con l’Empoli Ladies di mister Ulderici sono state tutt’altro che rose e fiori.

Resta un mistero glorioso come sia stato possibile riaprire una partita, dominata in lungo e in largo, partendo da un vantaggio di tre reti a 25’ dalla fine. La rosa neroverde è di grande spessore, salvo forse il portiere Lemey artefice di una serie di indecisioni che avrebbero potuto costare una sconfitta interna. Il rendimento delle prime cinque giornate e dei tre quarti della partita di ieri, parla chiaro. Non a caso il Sassuolo è la prima della classe a pari punti con la Juventus Women di Joe Montemurro, uno spaventoso tritacarne in senso calcistico.

È pur vero che Piovani continua nel suo understatement. Parla ancora di salvezza, ma non ci crede più nessuno. Una squadra che vanta i punti di forza del club neroverde, e che continua a tenere in frigorifero una risorsa da mille e una notte come Bugeja, è giocoforza costretto a scoprire le sue carte.

Al di là della professione di modestia, resta il fatto che il Sassuolo è diventata una delle tre squadre ad aver vinto tutte le prime sei gare in un singolo campionato di Serie A nelle ultime cinque stagioni. Dopo il Brescia Femminile nel 2017-18 (allenato proprio da Piovani…) e la Juventus Women (in tre occasioni: 2017-18, 2020-21 e 2021-22). Vorrà pur significare qualcosa. O no?

Un capitolo a parte spetta a Sofia Cantore. Ieri è stata autrice di due reti fantastiche. Ha capacità tecniche e atletiche davvero rimarchevoli. La modalità con cui ha segnato la prima rete, un gioiello raro a vedersi per l’abbinamento della velocità con classe pura, ne è la prova provata. L’attaccante di Lecco si diverte un mondo a giocare. Si vede da come occupa tutti gli spazi del campo. Ha dentro una voglia matta di spaccare il mondo.

Grazie a Cantore, mister Piovani dispone di un’arma letale. Al punto che non si capisce perché l’abbia messa fuori a 20′ dalla fine, subito dopo che Bardin aveva segnato la prima rete per le ospiti. Una sostituzione che (forse) ha aiutato la rimonta dell’Empoli. È stata tolta la più brava e la più fresca in campo.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali7 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi