Connect with us

Pubblicato

il

La recente intervista rilasciata dal presidente del Napoli, Raffaele Carlino, conferma un dato di fatto ormai chiaro a tutti gli addetti ai lavori. Ma non per questo incontrovertibile.

La Serie A Femminile di calcio è lanciata verso il professionismo. La Divisione Calcio Femminile guidata da Ludovica Mantovani e la Figc di Gabriele Gravina stanno arando il campo per la semina. Vedremo cosa ne uscirà fuori a breve-medio termine. Il tempo è sempre galantuomo.

Resta il fatto che le due facce del movimento, quella dilettantistica (che lo ha fatto lievitare) e quella professionistica (che ne sta semplicemente raccogliendo i frutti) non sono riuscite a integrarsi.

Una criticità che lascia spazio ad alcune brevi riflessioni, che vanno ancora oltre quelle, condivisibili, rilasciate dal presidente del club azzurro che è parte in causa >> LEGGI QUI.

➡️ Che fine farà l’anima dilettantistica, già ridotta ai minimi termini? E il capitale umano, dal quale tutto è partito, andrà disperso?

➡️ La componente dilettantistica si basa (si basava?) su una miscela di passione, capacità, competenze, conoscenze, abilità professionali e relazionali. Di fatto tanta roba. Non sostituibile con facilità né con passaggi precotti. Un patrimonio cruciale per la finalizzazione di un progetto, anche per i legami abilmente intessuti con il territorio.

➡️ Il capitale umano dei club in cui prevale (prevaleva?) l’anima dilettantistica è un valore immateriale, non misurabile con metodi scientifici. Di sicuro, però, ha a che vedere con la qualità delle prestazioni. Ne qualifica le potenzialità. Influenza i risultati a medio-lungo termine.

➡️ Un plusvalore da custodire, a nostro parere, se si vuole assicurare stabilità e sostenibilità al (difficile) attraversamento del guado al quale si appresta la Serie A Femminile. In un momento in cui il corrispettivo maschile naviga in acque torbide, che potrebbero intralciarne la stessa sopravvivenza ai livelli economici attuali.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi