Connect with us

Pubblicato

il

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele Carlino 👉🏽 QUI – al di là degli strascichi polemici che la determinarono e furono poi amichevolmente risolti – consente di aggiornare il discorso sul peculiare modello di club creato dalla società partenopeo.

Si configura nei fatti una valida alternativa alla circostanza, data ormai per assodata, che la Serie A Femminile spetti esclusivamente ai cloni del corrispettivo maschile. Il che, come ovvio, non elude alcune specifiche criticità. Spieghiamoci meglio.

✅ Il Napoli ha dato vita a un azionariato diffuso che annovera ben 20 presidenti di aziende rappresentative di vere e proprie eccellenze del  territorio partenopeo. Una connessione virtuosa che corrisponde a un preciso radicamento nel contesto. Tra di loro sono stati eletti i membri del Consiglio di Amministrazione. Tutti, indistintamente, innamorati del calcio femminile e di Napoli.

✅ Un’unità di intenti (che comprende anche gli sponsor di maglia, brand internazionali di assoluto prestigio) per provare a portare il club ai vertici della Serie A, dove una città come Napoli merita di stare.

✅ Il primum movens del ‘modello Napoli femminile’ è dunque la passione, senza alcuno scopo di lucro.

✅ Lo scopo è portare avanti i valori di una volta, quelli il Napoli Femminile applica dal 2004. Ciò significa che 17 anni fa il club era già in campo a combattere per questo movimento, allo scopo di creare entusiasmo attorno al calcio femminile. In questo progetto sono state profuse tante energie e altrettante risorse economiche. Circostanze che meritano la dovuta attenzione da parte del sistema.

➡️ Il modello Napoli Femminile è dunque un modello nuovo e alternativo. Il club azzurro si è fatto carico di una precisa mission ovvero dimostrare che un altro calcio è possibile e che è possibile a Napoli.

➡️ L’organizzazione ha portato la società a frequentare una Serie A Femminile di grande spessore tecnico e popolata nella grande maggioranza da cloni del corrispettivo maschile. La prova provata della bontà degli obiettivi di Raffaele Carlino & Co.

➡️ Uno stato di fatto che si scontra, però, con l’oggettiva carenza delle infrastrutture – già attive a monte – di cui beneficia la componente femminile derivata dal maschile.

➡️ Per rendere questo modello sostenibile nel tempo, considerato il grande radicamento nel territorio che rappresenta il volano per la durevolezza nel tempo di ogni progetto, è fondamentale un aiuto da parte delle istituzioni.

✅ Si tratta in buona sostanza di rendere possibile, anche a modelli calcistici tanto virtuosi, l’operatività logistica che al momento è un’esclusiva dei club femminili cloni del maschile. O no?

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi