La ‘meglio gioventù’, il Como Women e il marchio di fabbrica dei talenti

Il Como, neopromosso in serie A dopo un affascinante testa a testa con il Brescia, alla dodicesima giornata di campionato ha messo insieme 10 punti e continua a proporsi come una delle più interessanti realtà di questa stagione.

Il tecnico delle lariane, Sebastian de la Fuente, ha una sua precisa (e condivisibile) idea di calcio. Lo interpreta come un gioco, un divertimento. Schiera formazioni che noi di Calciopress abbiamo definito ‘champagne’ per la fluidità che sanno mostrare in campo, a prescindere dall’avversario di turno.

Il club caro al presidente Stefano Verga e al direttore generale Saimir Miro Keci scommette decisamente sulle giovani leve. Ha capito che la meglio gioventù dà un’iniezione di entusiasmo e di dinamismo sia allo spogliatoio sia all’ambiente. Due qualità che possono (in certi casi) fare la differenza, anche contro formazioni infarcite di nomi altisonanti.

Al momento il Como ha schierato quattro giocatrici giovani di grande prospettiva, tutte nel giro delle Nazionali giovanili, che hanno assicurato qualità e sostanza ogni volta che sono state inserite nella formazione titolare. La luce dei riflettori si è accesa soprattutto su Chiara Beccari e Matilde Pavan, utilizzate in tutte le dodici partite fin qui giocate. Nota di merito anche per Beatrice Beretta e per Chiara Bianchi.

✅ Chiara Beccari, attaccante nata il 23/9/2004, rappresenta di fatto una garanzia. Di proprietà della Juventus, si è messa in luce nella Nazionale Under 19 di Enrico Sbardella prima (favoloso il trio offensivo formato con le altre due bianconere Nicole Arcangeli e Elisa Pfattner) e si sta confermando anche nella selezione di Selena Mazzantini. Finita nel mirino della ct Nazzarena Grilli, ha disputato due gare da titolare con la maglia della Nazionale Under 23 (contro Portogallo e Inghilterra). In massima serie nazionale ha segnato finora ben quattro reti. Tanta roba per una diciottenne.

✅ Matilde Pavan, centrocampista nata il 12/6/2004, è stata anche lei utilizzata in tutte le nove partite e ha segnato una rete magnifica. Di proprietà dell’Inter, nelle Nazionali giovanili ha seguito lo stesso iter di Beccari. Attualmente è titolare della Nazionale Under 19 di Selena Mazzantini e rappresenta un elemento di grande spicco nella formazione di Sebastian de la Fuente.

✅ Beatrice Beretta, portiere nata il 01/01/2003, ha giocato due partite da titolare e si è distinta in entrambe le occasioni. Sa giocare molto bene con i piedi e fa ripartire la squadra da dietro con grande senso del movimento. Di proprietà della Juventus, si è fatta le ossa per due stagioni in serie B con la maglia del Tavagnacco. È stata titolare della Under 19 di Enrico Sbardella e attualmente lo è della Under 23 di Nazzarena Grilli. Una bella realtà, in un ruolo poco coperto a livello di Nazionali.

✅ Chiara Bianchi, difensore nata il 31/01/2004, ha già debuttato anche lei in serie A. Di proprietà del club lariano, si è fatta le ossa in serie B nella Riozzese. Il suo cammino in Nazionale la annovera tra le protagoniste della Under 19 di Selena Mazzantini.

👉🏿 Il Como di Sebastian de la Fuente conferma come l’incrocio tra Serie A femminile e giovani leve sia una missione possibile. Si tratta solo di volerlo e, soprattutto, di provarci.

You may also like

Serie A Femminile e Nazionale Under 16: i settori giovanili saranno uno dei fattori fondanti della crescita?

La grande prova offerta dalla Nazionale Under 16