Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita“ (William Shakespeare, ‘La tempesta’, quarto atto scena prima).

✳️ Per un tempo che è sembrato infinito, il calcio femminile è stato forgiato nella materia di cui sono fatti i sogni. Il sospirato approdo al professionismo della Serie A è il punto di arrivo di una storia tanto più bella proprio perché così tortuosa.

✳️ Le falangi di ragazze che hanno calzato gli scarpini quando questo sport era appannaggio esclusivo dei maschi, vedono la realizzazione di una sorta di utopia. È la prova provata che i sogni sono la stella polare che gli umani dovrebbero sforzarsi di seguire. Il movimento raccoglie, solo qui e ora, il frutto dei colossali sacrifici delle giocatrici-pioniere che hanno sfangato per decenni sui campi di tutta Italia.

✳️ Il primo campionato italiano di Serie A femminile si disputò nel lontano 1970 sotto l’egida della F.F.I.G.C. (Federazione Femminile Italiana Giuoco Calcio). Fu la ACF Gommagomma Milano (nella foto) ad aggiudicarsi il titolo. Sono passati 50 anni. Le donne del calcio femminile italiano non hanno mai mollato. Ancora oggi continuano a essere spinte dalla stessa genuina passione. Aiutiamole a trasformare i loro sogni in una realtà duratura e sostenibile.

You may also like

Serie A Femminile: il programma della 11a giornata

▶️ L’11ª giornata si aprirà sabato alle 12.30 con Pomigliano-Sampdoria.