Nazionale Femminile Under 17, Europeo: Francia-Italia termina 4-2

Le Azzurrine dell’Under 17 escono sconfitte per 4-2 nella seconda sfida del girone – del primo turno di qualificazione agli Europei di categoria – con la Francia. Un ko che non lascia molto spazio alle recriminazioni ma che, volendo guardare il lato positivo dell’evolversi di questo torneo, mantiene le speranze italiane per una qualificazione al Round 2 nella Lega A.

Dopo appena settanta secondi di gioco, l’appoggio all’indietro di Cocino per il proprio estremo difensore è troppo timido e ne approfitta Ben Khaled, che come un falco si avventa sulla sfera e poi non sbaglia a tu per tu con il portiere azzurro. L’uno a zero per la Francia è uno choc che Dragoni e compagne faticano ad assorbire. Proprio quando l’Italia sembra più in partita, arriva l’episodio che regala il doppio vantaggio alla Francia: l’arbitra danese Sokjaer punisce in maniera molto fiscale un contatto in area tra Cocino e Mendy, e dagli undici metri la stessa numero dieci ospite non fallisce l’appuntamento con il 2-0. In pieno recupero, una punizione per la Francia da posizione molto defilata trova il colpo di testa di Policnik per il 3-0 che ammutolisce il ‘Morgagni’ di Forlì e che rende l’intervallo una sosta di infinite riflessioni su quanto accaduto.

A inizio ripresa Sciabica lascia il posto a Pellegrino Cimò ed è proprio l’attaccante laterale a far segnare il proprio nome nell’elenco delle marcatrici appena quattro minuti dopo il suo ingresso in campo: Dragoni ruba palla a centrocampo e si invola verso la porta avversaria, trovando l’opposizione di Fernandes; sulla ribattuta Pellegrino Cimò è la più veloce a ribadire in rete, rianimando la contesa. Appena tre giri di lancette più tardi e la Francia ristabilisce però le distanze, facendo valere ancora una volta la maggiore prestanza fisica sulle palle inattive: questa volta è Ebayilin ad esultare per il sigillo personale e il 4-1 Francia. Proprio mentre la luce del sole stava iniziando ad abbandonare il ‘Tullo Morgagni’ di Forlì, infatti, con le Azzurrine sotto di tre reti e in inferiorità numerica contro la Francia, è arrivata in pieno recupero la traiettoria disegnata da Razza su punizione

Il 2-4 definitivo con cui l’Italia è uscita sconfitta dal match con le Transalpine  dà un minimo – ma indispensabile – vantaggio in classifica alle ragazze di Leandri sull’Islanda. Lunedì contro la Svizzera (calcio d’inizio alle ore 15 e diretta streaming sul sito figc.it), sempre a Forlì, la Nazionale femminile Under 17 sarà chiamata al successo – o quantomeno a non fare peggio delle Scandinave impegnate in contemporanea con la Francia – per rimanere nella Lega A dell’Europeo di categoria.

“Abbiamo fatto una brutta partita – è il commento laconico di Leandri, intervistato a fine gara da RaiSport – condizionati dal gol subìto in apertura. Abbiamo sbagliato tanto e me ne assumo la responsabilità. Lavoreremo per la qualificazione preparando quest’ultima gara contro la Svizzera. Andremo a difendere questo terzo posto nel girone, che era il nostro ranking iniziale del raggruppamento: sono fiducioso perché conosco bene le ragazze e so che possono fare meglio”.

Francia-Italia 4-2

FRANCIA: Fernandes; Delcroix, Bizet, Mulot, Policnik; Bertrand, Ebayilin; Joseph (35’st Gil), Mendy (1’st Le Dren), Ben Khaled (16’st Traore); Rambaud (35’st Imarazene). A disp.: Marchal, Obrecht, Autin, Gobert, Camara. All.: Provost

ITALIA: Belli; Razza, Davico, Cocino, Lazzeri (22’pt Rossi L.); Calegari, Testa (20’st Donolato), Dragoni; Sciabica (1’st Pellegrino Cimò), Girotto (29’st Rossi M. V.), Zamboni (20’st Gemmi). A disp.: Di Nallo, Pizzuti, Tironi, Gallina. All.: Leandri

ARBITRA: Sokjaer (DAN). Assistenti: Wulff (DAN) e Tsiklitari (GRE). IV Ufficiale: Mylopoulou (GRE)
RETI: 2’pt Ben Khaled, 34’pt Mendy su rig. 46’pt Policnik, 4’st Pellegrino Cimò, 7’st Ebayilin, 48’st Razza
NOTE – espulsa Cocino al 16’st. Ammonite Delcroix, Ebayilin, Mulot, Testa

Fonte testo e foto: Figc Nazionali

 

You may also like

Serie B Femminile, 10a giornata: la Ternana è decisa a restare in scia

La prova del nove della Lazio, il desiderio