Mondiale Femminile 2023 e diritti tv: il piatto piange?

Il Mondiale femminile è in programma nell’estate del 2023 in Australia. La Nazionale italiana della ct Milena Bertolini è stata inserita in un gruppo del quale faranno parte Argentina, Sudafrica e Svezia.

👉🏿 Il presidente della FIFA, Gianni Infantino, ha precisato che il Mondiale costerà circa 400 milioni, che si giocherà in stadi bellissimi e che la vendita dei biglietti procede alla grande.

👉🏿 Il fatto è che le offerte dei broadcaster per i diritti tv sono 100 volte inferiori a quelle del Mondiale maschile.

👉🏿 Un livello tale da renderle inaccettabili, allo stato delle cose. È allarme rosso oppure le cose si sistemeranno?

⏩ L’edizione del Mondiale Femminile 2019, giocata in Francia, fu trasmessa in Italia da Rai e da Sky.

☑️ La Rai mandò in onda in diretta su Rai 2 tutte le partite della Nazionale italiana, mentre gli altri incontri principali furono trasmessi su Rai Sport.

☑️ Sky acquistò invece i diritti per la trasmissione completa del torneo con tutte le 52 partite in programma in diretta e 37 in esclusiva.

You may also like

Cala il silenzio sul futuro della Nazionale Femminile: una scelta condivisibile?

Alzi la mano chi non ha amato la