“COPA 71”, la storia del Mondiale Femminile dimenticato: ci pensa il “Pordenone Docs Fest” a riempire un vuoto che durava da oltre 50 anni

È stato presentato il 12 aprile, al “Pordenone Docs Fest”, il docufilm “Copa 71” ( 2023, Gran Bretagna, durata 91′, diretto da Rachel Ramsay, James Erskin). Racconta la straordinaria vicenda della Coppa del Mondo di calcio femminile del 1971: un evento di massa cancellato dalla storia dello sport.

Il film ricostruisce il clima raro e speciale di sorellanza internazionale in un’epoca in cui nulla si poteva dare per scontato, riguardo la questione femminile.

È l’agosto del 1971. Le squadre di calcio provenienti dall’Inghilterra, dall’Argentina, dal Messico, dalla Francia, dalla Danimarca e dall’Italia (nella foto un’immagine della semifinale Messico-Italia terminata 2-1) si stanno radunando presso lo splendido Stadio Azteca di Città del Messico.

Le dimensioni del torneo sono monumentali: sponsorizzazioni sontuose, una copertura televisiva estesa, merchandise ovunque e una folla di oltre centomila tifosi urlanti trasformano lo stadio in un calderone di rumore e calore, che cresce partita dopo partita.

Le giocatrici sono tutte donne: è questo a rendere il torneo diverso da qualsiasi altro. La stampa le tratta come vere e proprie rockstar, ma il loro nome non passerà alla storia.

La voce delle giocatrici e le immagini d’archivio di cinquant’anni fa fanno rivivere oggi l’atmosfera unica di Copa 71, la Coppa del Mondo non ufficiale femminile. Volutamente trascurato dalla FIFA e dalle federazioni calcistiche nazionali di tutto il mondo, questo evento è stato cancellato dalla storia.

Fino a ora.

>> Il VIDEO del trailer <<

 

➡️Sergio Mutolo

 

You may also like

“Calciopress” cambia linea editoriale: nel centro del mirino Nazionali Azzurre e attività dei Settori Giovanili del calcio femminile

L’andamento non proprio esaltante del campionato di Serie