Connect with us

Pubblicato

il

In Italia il calcio riesce ogni volta a risorgere dalle sue ceneri, come l’Araba Fenice. Nonostante la disaffezione dei tifosi che alla lunga hanno smesso di riempire gli stadi, a causa di pay tv sempre più intrusive e castranti, rimane ancora lo sport più seguito e amato dagli italiani. Una stella polare che riempire palinsesti e cronaca a livello massmediatico.

Provare a spiegare il successo di questo sport significa riuscire a penetrare il rapporto speciale che lega il tifoso al calcio e, in particolare, alla squadra del cuore.

Il calcio femminile non sfugge a questo dilemma. I tifosi iniziano a legarsi ai colori dei club in rosa e alle giocatrici che scendono in campo con una passione ancora incontaminata, considerato il loro status di dilettanti.

Perché ogni volta si torna a essere catturati dalla magia del football, nonostante? Anche in epoca di Covid-19 e con gli stadi serrati al pubblico, il tifoso è trascinato dalla spinta irrefrenabile di andare a vedere cosa stanno combinando sul campo le maglie che da una vita si porta dentro.

Rimane un’impresa (quasi) titanica instradare chi è estraneo a questa consapevole follia nel fil rouge che tiene legati tanti milioni di appassionati a uno sport ritenuto ormai contaminato dal business (oltre che, ciclicamente, travolto dagli scandali più atroci).  

Occorrono prolisse tavole rotonde, analisi socio-esistenziali complesse o cos’altro? Non crediamo proprio. Il fatto che il calcio venga dato ogni anno per spacciato eppure sopravviva miracolosamente ai suoi stessi madornali errori, ha una ragione molto semplice. L’amore, probabilmente. Perché, come diceva Virgilio, omnia vincit amor.

“Una volta alla settimana il tifoso fugge dalla sua casa e va allo stadio. Quando la partita si conclude il sole se ne va e se ne va anche il tifoso. Scende l’ombra sullo stadio che si svuota. Il tifoso si allontana, si sparpaglia, si perde, e la domenica è malinconica come un mercoledì delle ceneri dopo la morte del carnevale” (Splendori e miserie del gioco del calcio, Eduardo Galeano)  

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali11 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi