Connect with us

Pubblicato

il

Quella dei tifosi di calcio era una specie in via di estinzione ben prima del lockdown. Era già stata creata una razza geneticamente modificata. I teleutenti da salotto, inchiodati davanti a ogni possibile device a vedere distrattamente partite virtuali, spesso su schermi (quelli dei telefonini) decisamente improbabili per dare un senso alle cose che si stanno osservando. Come la mettiamo con la natura nazional-popolare di uno sport diventato bellissimo proprio grazie a stadi colorati e alla partecipazione dal vivo della gente?

A questo quadro di fondo, quando si parla di calcio femminile si era progressivamente aggiunta una serie di criticità, economiche e organizzative, legate alla scarsa partecipazione del movimento a risorse capaci di renderlo sostenibile e compatibile a prescindere dal mecenate di turno. Salvo rassegnarsi al ruolo di clone sbiadito dei club della serie A.

Il rischio, se non interverranno fatti nuovi, è un flop sistemico che potrebbe coinvolgere a breve scadenza le poche società autonome e virtuose che ancora cercano di resistere sulle barricate.

Il calcio femminile, salvo sprazzi contingenti come il Mondiale di Francia al quale ci si attacca ciclicamente per sedare gli attacchi ansiogeni, è una categoria oggettivamente sprovvista di visibilità a livello mediatico.

Questo pianeta dal sapore vagamente kafkiano ha dato il via alle attività agonistiche del calcio professionistico italiano in una data improbabile, soffocata dal torpore ferragostano.

Il compito degli addetti ai lavori sarebbe (è) informare sullo stato delle cose, per consentire un cambiamento epocale del movimento che non può che partire dalle fondamenta.

In questa prospettiva i tifosi vanno sempre e comunque coinvolti. Sono il lato etico del calcio. Rimangono la sola ancora di salvezza alla quale attaccarsi per sperare in un futuro sostenibile.

In un momento di grave crisi economica il calcio femminile, per crescere e per sopravvivere a certi livelli, non ha bisogno di eroi ma di un vero radicamento sul territorio. Si deve puntare su risorse economiche e umane che contribuiscano a incardinarlo nelle strutture sociali del contesto. Al di là di ogni questione di genere.

FotoFlorentia San Gimignano Facebook

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi