Connect with us

Pubblicato

il

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta dalla Divisione Calcio femminile di Ludovica Mantovani (confermata alla presidenza del Consiglio Direttivo >>> LEGGI QUI la sua composizione) – rappresenterà il definitivo impulso alla la definitiva crescita del movimento?

L’era professionistica coincide con il “nuovo corso”, per il massimo campionato calcistico femminile. Nuovo corso dovrebbe significare soprattutto – secondo una corretta lettura etimologica del termine – l’attuazione di una rifondazione organizzativa, sia a livello di governance sia livello di club, cruciale per assicurare la sostenibilità di un progetto che per ora è attuabile solo sulla carta.

Andranno messe in cantiere riforme strutturali e di sistema che riescano a incanalare la Serie A femminile verso la sua mission ovvero quella di fungere da traino per la crescita esponenziale dell’intero movimento femminile (che, in tutte le sue componenti e/o settori, ne rappresenta la base fondante).

Il passaggio della Serie A Femminile al professionismo dovrebbe avere l’obiettivo di produrre effetti virtuosi a cascata su tutte le altre categorie del calcio in rosa. Solo in questo modo la sostenibilità potrà non essere precaria e temporanea, ma duratura e di prospettiva.

Senza assolvere questa precisa mission, la massima categoria del calcio femminile italiano rischia di diventare un corpo estraneo all’interno del movimento di cui rappresenta il vertice.

Esattamente quanto è accaduto alla Serie A maschile, la cui distanza dalle altre categorie di sistema si è progressivamente allargata fino a diventare una voragine. Che sta precipitando verso il baratro una miriade di club delle categorie inferiori e che mina la sopravvivenza stessa del sistema.

La Serie A Femminile, in questo momento storico, ha una grande opportunità. Vale a dire elaborare gli errori fin qui commessi dal versante maschile per trasformarli in progetti futuribili e inclusivi di tutto il movimento dilettantistico di base che ne ha rappresentato (ne rappresenta) l’anima.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film