Connect with us

Pubblicato

il

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta dalla Divisione Calcio femminile di Ludovica Mantovani (confermata alla presidenza del Consiglio Direttivo >>> LEGGI QUI la sua composizione) – rappresenterà il definitivo impulso alla crescita del movimento?

L’era professionistica coincide con il “nuovo corso”, per il massimo campionato calcistico femminile. Nuovo corso dovrebbe significare soprattutto – secondo una corretta lettura etimologica del termine – l’attuazione di una rifondazione organizzativa, sia a livello di governance sia livello di club, cruciale per assicurare la sostenibilità di un progetto che per ora è attuabile solo sulla carta.

Andranno messe in cantiere riforme strutturali e di sistema che riescano a incanalare la Serie A femminile verso la sua mission ovvero quella di fungere da traino per la crescita esponenziale dell’intero movimento femminile (che, in tutte le sue componenti e/o settori, ne rappresenta la base fondante).

Il passaggio della Serie A Femminile al professionismo dovrebbe avere l’obiettivo di produrre effetti virtuosi a cascata su tutte le altre categorie del calcio in rosa. Solo in questo modo la sostenibilità potrà non essere precaria e temporanea, ma duratura e di prospettiva.

Senza assolvere questa precisa mission, la massima categoria del calcio femminile italiano rischia di diventare un corpo estraneo all’interno del movimento di cui rappresenta il vertice.

Esattamente quanto è accaduto alla Serie A maschile, la cui distanza dalle altre categorie di sistema si è progressivamente allargata fino a diventare una voragine. Che sta precipitando verso il baratro una miriade di club delle categorie inferiori e che mina la sopravvivenza stessa del sistema.

La Serie A Femminile, in questo momento storico, ha una grande opportunità. Vale a dire elaborare gli errori fin qui commessi dal versante maschile per trasformarli in progetti futuribili e inclusivi di tutto il movimento dilettantistico di base che ne ha rappresentato (ne rappresenta) l’anima.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi