Connect with us

Pubblicato

il

Il calcio femminile dovrebbe cominciare a porsi alcune domande e darsi altrettante risposte. Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rappresenta l’occasione imperdibile per interrogarsi sul futuro dell’intero movimento ovvero sulla propria duratura collocazione all’interno del sistema.

Per quali ragioni si diventa tifosi di una squadra di calcio? Perché si rimane legati al club che si è scelto di amare fin da piccoli per tutta una vita intera? Perché nasce e lievita il senso identitario dell’appartenenza?

Le ragioni della simbiosi che legano il tifoso con la propria squadra del cuore sono per alcuni assai misteriose. In tanti hanno cercato di spiegarle, a quanti considerano (ancora) il calcio uno stupido gioco finalizzato a inseguire un pallone su un prato verde. E non, piuttosto, un importante fenomeno sociale la cui forza sta nella trasversalità delle passioni che riesce a generare. A prescindere dal ceto di provenienza

L’autorevolezza di quanti si sono impegnati in questo compito, un elenco che si allunga di anno in anno e comprende nomi prestigiosi, rende conto della difficoltà del compito. Il fatto è che il calcio resta, nella sua sostanza, una magia. Come accade per ogni sortilegio, non ci si può limitare a darne mere interpretazioni. Bisogna viverlo. Anzi, saperlo vivere.

Se la Serie A Femminile vuole costruirsi prospettive sostenibili nel tempo, dovrà certamente fondarsi su una solidità economica di base. In carenza, ogni ipotesi di futuro compatibile sarebbe destinata a frantumarsi in malo modo.

E però deve, nel contempo, riportare i tifosi al centro del sistema. I tifosi sono l’architrave su cui tutto poggia. Rappresentano la vera continuità di questo sport bellissimo. Il territorio è l’alimento di cui si nutre il calcio per sopravvivere ai periodi bui e che ne perpetua la magia.

Senza solidi e appropriati legami con il territorio, nessun guado potrà essere attraversato dal sistema calcio femminile. Nessuna “grande storia del club” potrà davvero essere scritta in versione esclusivamente rosa.

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film