Florentia, il senso di appartenenza dei tifosi a San Gimignano

Al termine della partita con l’Hellas Verona, giocata all’interno di un Santa Lucia paurosamente deserto per la chiusura al pubblico degli stadi della Serie A Femminile causa pandemia, è apparso sul profilo Facebook ufficiale della Florentia San Gimignano un post assai significativo.

La foto di accompagnamento basterebbe, da sola, a spiegare tutto e di più. E però vorremo condividerne anche il testo con i lettori di Calciopress, appassionati a prescindere di un calcio femminile in grande crescita.

È fondamentale che il movimento inneschi un cambiamento di genere sul territorio. È decisivo che i tifosi si sentano rappresentati da un club femminile. È la forza etica di questo sport bellissimo e ne incardina il ruolo sociale. La strada è aperta.

L’avventura del nostro Club ha senso solo se riesce a trasformare ciò che esiste.

Queste foto ci emozionano, perché raccontano di una barriera che è stata abbattuta.

Questi ragazzi a cavalcioni sul muretto che si sentono rappresentati da una squadra femminile di calcio sono una finestra su un mondo futuro, dove i rapporti tra gli esseri umani non saranno condizionati da stereotipi di genere, colore e provenienza.

È un lavoro quotidiano, una militanza, che si svolge per la gran parte del tempo lontano dai riflettori.

Noi crediamo in uno sport che sia forza di cambiamento”.

“L’appartenenza / non è lo sforzo di un civile stare insieme / non è il conforto di un normale voler bene / l’appartenenza è avere gli altri dentro di sé. / L’appartenenza / non è un insieme casuale di persone / non è il consenso a un’apparente aggregazione / l’appartenenza è avere gli altri dentro di sé” (Giorgio Gaber, “Canzone dell’appartenenza”, 1994).

You may also like

La Nazionale Femminile Under 16 si aggiudica il Torneo Uefa giocato in Portogallo

Nonostante la sconfitta subita nella terza gara giocata