Connect with us

Pubblicato

il

La cessione del titolo sportivo della Florentia alla Sampdoria, che acquisisce a tavolino il diritto di partecipare al prossimo campionato di Serie A Femminile, cancella il calcio femminile ai massimi livelli sul territorio di San Gimignano (nella foto, lo stadio Santa Lucia gremito di pubblico).

La scelta di Tommaso Becagli, che in qualità di proprietario del club è ovviamente libero di cederlo a chicchessia e dunque anche a Massimo Ferrero (presidente della società doriana), rappresenta però un colpo durissimo alla credibilità del movimento calcistico femminile in termini di meritocrazia acquisita sul campo.

Con il passaggio al professionismo, programmato a partire dalla stagione 2022-23 con solo 10 club iscritti alla massima serie nazionale femminile, il movimento sembra prepararsi a emulare (in negativo) le aride leggi di mercato che stanno portando alla deriva il corrispettivo maschile.

Molto significativa in questo senso la riflessione del sindaco di San Gimignano, Andrea Marrucci, a commento dell’annuncio da parte del presidente della Florentia dell’avvenuta firma di un’istanza congiunta con la Sampdoria per la cessione del titolo sportivo. Parole che colgono perfettamente nel segno.

“Un duro colpo per chi crede in un calcio non dominato soltanto dalle logiche del mercato. Il professionismo nel calcio femminile è certamente una occasione di crescita per le atlete e per tutto il movimento, per dare maggiori risorse ed opportunità al settore e per dare nuove norme e maggiori diritti e tutele delle atlete. Ma non può ridursi ad un movimento d’élite nelle mani di pochi e ricchi club. Non c’è più etica dello sport, non c’è più meritocrazia guadagnata sul campo, nel consentire di comprare un titolo per disputare subito la massima serie. Così sarà sempre la logica del più ricco a prevalere. È anche abbastanza sconvolgente che un titolo sportivo possa essere venduto addirittura oltre i confini regionali”.

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film