Vllanzia-Juventus Women, il Montemurro-pensiero e le 22 convocate

Riparte la UWCL per la Juventus Women che domani affronterà in Albania il Vllanzia per la gara di andata del secondo turno di qualificazione >>> QUI LE PARTITE DI ANDATA DEL TURNO 2 DI WOMEN’S CHAMPIONS LEAGUE.

Ecco le dichiarazioni di Joe Montemurro a Juventus TV.

“Andiamo avanti come abbiamo fatto nelle ultime partite. Il nostro obiettivo è sempre prepararsi bene ed avere un atteggiamento positivo”.

“Abbiamo visto un po’ di filmati sul Vllanzia. Loro giocano in casa e per noi questa è una situazione diversa. C’è il pubblico, lo stadio, hanno il vantaggio di giocare a casa loro. È una squadra che ci può mettere in difficoltà. Penso siano i favoriti per passare al turno successivo della Champions”.

“Per tutti noi, squadra, staff, società, è molto importante arrivare al top per confrontarci coi migliori. La squadra lo merita e la Juve lo merita. Possiamo stare lì per fare delle belle notti di Champions”.

“L’umore è positivo, una cosa che mi stimola molto. La squadra è unita e positiva in tutti i suoi interpreti, senza stare a vedere chi gioca e chi non gioca. La cosa importante è il gruppo, sanno che a volte bisogna entrare all’85’ ed è una cosa importante”.

“Ho visto delle cose molte positive ma dobbiamo abituarci. Questa squadra prima non cambiava tanto l’undici di settimana in settimana. Dobbiamo anche risparmiare qualcosa perché non possiamo arrivare stanchi ad ottobre-novembre. Abbiamo 22-24 giocatrici di qualità e dobbiamo sfruttarle tutte”.

Le uniche assenti sono sempre Linda Sembrant e Sara Caiazzo infortunate.

Questa la lista delle 22 convocate per la trasferta in Albania:

Portieri: Aprile, Peyraud-Magnin, Soggiu;
Difensori: Boattin, Gama, Hyyrynen, Lenzini, Lundorf, Nilden, Salvai;
Centrocampiste: Caruso, Cernoia, Giai, Pedersen, Rosucci, Zamanian;
Attaccanti: Beccari, Bonansea, Bonfantini, Girelli, Hurtig, Staskova.

You may also like

Serie B Femminile, 10a giornata: la Ternana è decisa a restare in scia

La prova del nove della Lazio, il desiderio