Connect with us

Pubblicato

il

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale Stefano Braghin, era reduce da una stagione giocata in chiaroscuro con la maglia dell’Hellas Verona Women. Più in scuro che in chiaro, per essere del tutto sinceri.

A San Gimignano ha presto trovato la strada per imboccare quel percorso di maturazione professionale e umana che appare, oggi, di lampante evidenza. Le grandi giocate e le nove reti segnate con la maglia neroverde della Florentia (nella foto) resteranno un ricordo magico, in questo angolo speciale della Toscana che ha vissuto (per poco tempo) l’emozione della Serie A Femminile.

Una stagione che le ha fatto guadagnare la piena fiducia in se stessa, l’apprezzamento incondizionato degli addetti ai lavori, un credito professionale adeguato al suo indiscutibile valore calcistico e – dulcis in fundola maglia azzurra della Nazionale di Milena Bertolini. Tanta roba.

Nessuna sorpresa, guardando a ritroso il suo vissuto calcistico. A partire da quando, nel 2013, debuttò giovanissima con la maglia di un club storico come il FiammaMonza. Encomiabile il suo curriculum nelle Nazionali Giovanili (9 partite giocate e 10 reti segnate) fra Under 17 e Under 19.

Non a caso il tecnico della Florentia Stefano Carobbi, uno che di calcio ne ha masticato e ne mastica parecchio, nel corso di un’intervista radiofonica rilasciata a TuttoCalcioFemminile su TMW l’ha definita una “predestinata”. Un termine che non poteva essere più azzeccato, oltre che di buon auspicio.

Il passaggio da una maglia neroverde all’altra – quella del Sassuolo Femminile di mister Gianpiero Piovani – potrebbe segnare l’apoteosi del suo innato talento. Coltivato, nel campionato giocato a San Gimignano, dal lavoro appassionato di uno staff tecnico motivato e da un contesto ambientale che non avrebbe potuto essere più rasserenante.

Foto: Florentia San Gimignano Facebook

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi