Nazionale Femminile Under 17: Italia-Galles per l’Europeo finisce 2-0

Si è giocata alla Hisingen Arena di Goteborg la partita del Gruppo 3 – Lega A fra la Nazionale Under 17 dell’Italia e le pari età del Galles, valida per le qualificazioni al campionato europeo di categoria.

Le Azzurrine si sono imposte per 2-0, segnando una rete per tempo. Dopo il gol di Dragoni al 37’, il raddoppio è arrivato in pieno recupero grazie alla rete segnata da Moretti al 93’.

A fine gara il tecnico Nazzarena Grilli ha usato parole di elogio per la sua squadra: “Sono veramente orgogliosa di queste ragazze, sono state tutte bravissime. Abbiamo dominato la gara, proponendo anche trame interessanti e giocato con personalità: una vittoria meritata, frutto di un percorso che stanno portando avanti con tanto impegno e professionalità. Questa squadra è nata in poco meno di un mese, le ragazze hanno giocato insieme appena tre partite e già hanno dimostrato grande maturità. Merito di un gruppo fantastico, compreso lo staff. Oggi era importante vincere, il Galles è una squadra forte e le altre due, Svezia e Francia non sono da meno: è il girone più difficile, il nostro”.

Lunedì 25 ottobre l’Italia se la vedrà con le padrone di casa della Svezia a Boras e giovedì 28 ottobre chiuderà ancora a Goteborg con la Francia. Le due gare sono in programma alle ore 18.

L’elenco delle 20 convocate per la trasferta in Svezia:

Portieri: Viola Bartalini (Fiorentina), Giulia Zaghini (San Marino);

Difensori: Paola Papapicco (Pink Sport Time), Noemi Passeri (Chieti), Nadine Sorelli (Milan), Beatrice Toffano (Inter), Martina Viesti (Roma), Alice Zaghini (San Marino), Elisa Zilli (Pink Sport Time);

Centrocampiste: Irene Barsali (Fiorentina), Erin Maria Cesarini (Lazio), Giulia Dragoni (Inter), Paola Fadda (Inter), Alessia Marchetti (Sassuolo), Eva Schatzer (Juventus), Giorgia Tateo (Pink Sport Time);

Attaccanti: Veronica Bernardi (Cesena), Andrea Gaia Colombo (Inter), Ginevra Moretti (Juventus), Sofia Zannini (Cittadella).

You may also like

Cala il silenzio sul futuro della Nazionale Femminile: una scelta condivisibile?

Alzi la mano chi non ha amato la