Connect with us

Pubblicato

il

Non ci sono parole per spiegare fino in fondo il significato dello straordinario risultato ottenuto stasera dal calcio italiano femminile che, finalmente, riesce a dire la sua anche a livello continentale di club.

La Juventus Women passa sul campo del Wolfsburg e certifica la grande crescita mentale maturata in brevissimo arco di tempo sotto la guida sapiente di Joe Montemurro. Con due gol nella ripresa, la creatura del direttore generale Stefano Braghin calamita i quarti di finale. Un risultato che sarebbe storico per tutto il movimento e proprio alla vigilia del passaggio al professionismo.

La squadra del tecnico che ha dato una svolta alla mentalità del club bianconero, contiene spavaldamente la sfuriata iniziale delle tedesche e poi non sbaglia più un colpo. La calma olimpica di Montemurro in panchina trasmette, alle giocatrici in campo, la forza dei nervi distesi fondamentale per riuscire a espugnare il difficilissimo campo del Wolfsburg. Qui neanche lo stratosferico Chelsea è riuscito a passare.

La società bianconera dà un segnale forte alla Serie A Femminile. Spinge il movimento verso traguardi che, solo pochi anni fa, sarebbero sembrati impensabili e irraggiungibili a livello europeo. Un vero capolavoro.

Ora la palla passa alla Nazionale di Milena Bertolini, che deve raccogliere il testimone e cercare di raggiungere una qualificazione ai Mondiali che attesterebbe la straordinaria crescita del calcio femminile italiano.

Wolfsburg Juventus Women 0-2 (0-0)
53′ aut. Hendrich, 92’ Staskova

Wolfsburg (4-3-3): Schult; Hendrich, Wedemeyer, Doorsoun-Khajeh (78′ Svava); Janssen; Oberdorf, Roord, Lattwein; Knaak (59′ Bremer), Wassmuth, Huth.  A disp. Kassen, Weiss, Wilms, Blasse, Starke, Smits, Blomqvist, Van de Sanden, Cordes. All. Stroot. 

Juventus Women (4-3-3): Peyrad-Magnin; Lenzini (83′ Hyyrynen), Gama, Salvai, Boattin; Rosucci, Pedersen, Cernoia (20′ Caruso); Bonansea, Girelli (70′ Staskova), Hurtig (83′ Bonfantini). A disp. Aprile, Soggiu, Nilden, Lundorf, Zamanian, Beccari, Pfattner. All. Montemurro

Arbitro: Huerta De Aza (Spagna)

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali1 mese fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi