Connect with us

Pubblicato

il

Non c’è niente da fare. Pur con tutti gli alibi d’ordinanza, la sconfitta della Nazionale Femminile contro la Svizzera non va affatto giù. Ha lasciato e lascerà il segno. Perché, nel calcio, c’è sconfitta e sconfitta. Soprattutto, non bisogna mai andarsela a cercare.

Va detto con chiarezza che, nel caso di specie, le scelte e le mancate scelte della Ct Milena Bertolini hanno contribuito non poco a un doloroso insuccesso. Che poteva essere evitato e potrebbe costringere l’Italia Femminile alla lotteria dei play off.

È vero che la squadra è stata falcidiata dal Covid, che ha dovuto far fronte a una serie di assenze importanti. Ma è altrettanto vero che, a bocce ferme, sono state convocate ben otto giocatrici per la difesa e appena quattro a centrocampo. In una partita che, secondo le aspettative, si sarebbe dovuto giocare per vincere.

Non a caso era stato scelto il Barbera di Palermo. Per non far mancare alle Azzurre il sostegno del pubblico. Alla fine dei giochi è stata questa la sola cosa che ha funzionato a dovere. Tutto il resto è andato storto.

La scelta di convocare appena quattro centrocampiste (della quale solo una di livello internazionale, ovvero Giugliano) resta incomprensibile. La scelta di spostare nella zona nevralgica del campo una come Linari, elemento imprescindibile del reparto difensivo, resta cervellotica. La scelta di insistere sul doppio centravanti (Giacinti e Girelli) resta confinata in un’area aliena mal interpretabile.

La Ct Bertolini intende mettere riparo a questo stato di cose da qui a mercoledì, quando si giocherà in casa della Romania una gara nella quale conta solo vincere? E come? Questa è la domanda. Non certo retorica considerata la posta in palio.

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 giorni fa

La Juventus si riprende il talento di Sofia Cantore: sarà qualcosa di travolgente?

Quando nella stagione 2020-21 Sofia Cantore fu trasferita alla Florentia San Gimignano, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni...

Editoriali6 giorni fa

Superlega Serie A femminile: un occhio di riguardo per i vivai

Per certificare il ruolo cruciale dei settori giovanili nella prossima Superlega professionistica della A femminile, è necessario tenere bene a...

Opinioni2 settimane fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Editoriali2 settimane fa

Serie A e Serie B femminili: mancano pochi giorni alle iscrizioni

Il termine di scadenza per le iscrizioni ai campionati di Serie A e Serie B femminile incombe. Entro le ore...

Opinioni3 settimane fa

Calcio femminile, non solo Superlega: e la copertura mediatica?

La Serie A Femminile – con il passaggio al professionismo – deve stabilire la sua mission, che passa attraverso un...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi