Connect with us

Pubblicato

il

Per la Nazionale Under 17 Femminile avvio in salita nella seconda fase delle qualificazioni al Campionato Europeo di categoria. A Viseu le Azzurrine perdono 2-1 il match d’esordio con le padrone di casa del Portogallo e vedono allontanarsi il primo posto del girone che vale il pass per la fase finale del torneo continentale in programma dal 3 al 15 maggio in Bosnia Erzegovina.

Portogallo-Italia Femminile U17 2-1
8′ Mariano (P), 86′ Dragoni (I), 94′ rig. Sinas (P)

Italia Femminile Under 17 (4-4-2): Bartalini; Zannini, Sorelli, Zilli, Zanini (87′ Toffano); Dragoni, Schatzer, Cesarini, Renzotti (71′ Berveglieri); Moretti (60′ Bison), Bernardi. A disp.: Di Nallo, G. Zaghini, Tateo, Marchetti, Congia, A. Zaghini. All.: Nazzarena Grilli

Una sconfitta ingiusta e beffarda per l’Italia, che sotto 1-0 per il gol messo a segno all’8’ del primo tempo da Mafalda Mariano, raggiunge il pareggio all’86’ con una bella conclusione dalla distanza della centrocampista dell’Inter Giulia Dragoni per poi capitolare al quarto minuto di recupero, punita dal rigore trasformato da Ines Simas. Un penalty concesso per un presunto fallo di mano di Beatrice Toffano, parato da Viola Bartalini ma fatto ripetere perché a giudizio dell’arbitro, la francese Victoria Beyer, il portiere azzurro non aveva nemmeno un piede sulla linea di porta al momento della battuta. E, come se non bastasse, l’Italia può recriminare anche per i due legni colpiti nella ripresa: il palo di Erin Maria Cesarini sul punteggio di 1-0 per le lusitane e la traversa di Dragoni, ad un passo dalla doppietta dopo il gol del pari, pochi secondi prima del discusso 2-1 del Portogallo.

“Non sono solita cercare alibi – le parole di Nazzarena Grilli – ma in tanti anni una cosa così non l’avevo mai vista”.

Resta la prestazione positiva delle Azzurrine nonostante una partenza ad handicap: “All’inizio le ragazze erano un po’ emozionate e timorose – sottolinea il tecnico – complici una tribuna gremita e un pubblico molto caldo, anche un po’ scorretto visto che il nostro inno è stato fischiato. Dopo aver subito il gol, però, abbiamo preso il pallino del gioco in mano e le occasioni più nitide per segnare le abbiamo avute noi. Siamo riuscite a pareggiare e siamo andate vicine alla vittoria, poi l’arbitro ha fischiato un rigore che probabilmente non c’era e dopo che Viola l’ha parato ha pensato bene di farlo anche ripetere”.

In testa al Gruppo 7 in compagnia del Portogallo ci sono i Paesi Bassi, che nell’altro incontro del girone hanno travolto con un perentorio 11-0 Montenegro.

E proprio le giovani oranje saranno le nostre avversarie sabato (ore 11 locali, 12 italiane): “I Paesi Bassi sono i favoriti – avverte Grilli – ci aspetta una partita molto difficile, ma siamo qui per provarci fino alla fine e dare come sempre il massimo”.

Fonte testo e foto: Figc

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi