Connect with us

Pubblicato

il

❇️ La Serie A Femminile si prepara a entrare nel professionismo in uno dei momenti storici più drammatici del calcio italiano, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista organizzativo/strutturale.

❇️ Senza una riforma globale del sistema calcio, non si arriverà da nessuna parte. Lo stesso movimento rosa potrebbe uscirne annichilito, proprio nel momento in cui prova a mettere la testa fuori dal guscio.

▶️ La buona notizia è che si è svolta a Roma la prima riunione del tavolo di lavoro permanente per le riforme del calcio italiano, voluto dal presidente della FIGC Gabriele Gravina con l’obiettivo di dare nuovo slancio all’azione di rinnovamento del sistema dopo due anni di pandemia.

▶️ Lorenzo Casini (Lega di A), Mauro Balata (Lega B), Francesco Ghirelli (Lega Pro), Giancarlo Abete (Lega Nazionale Dilettanti), Umberto Calcagno (AIC), Renzo Ulivieri (AIAC) e Duccio Baglioni (AIA), alcuni in presenza e altri collegati in videoconferenza, hanno iniziato a discutere degli argomenti messi in agenda da Gravina (che coordina i lavori), affrontando nodi cruciali per lo sviluppo del movimento nel suo complesso.

👉🏿 Come si vede nella lista, estrapolata dal comunicato ufficiale della Figc, manca il nome di un/una rappresentante del movimento femminile, che ancora vive in un limbo. E non è né carne né pesce. Sta solo al traino di quanti occupano le stanze dei bottoni.

❇️ “È il tempo della responsabilità e dell’azione – afferma il Presidente Gabriele Gravina (nella foto) – tutte le componenti del calcio italiano sono chiamate a fare un passo in avanti per il bene del movimento”.

❇️ “Abbiamo bisogno di unità per affrontare temi così delicati e ho molto apprezzato la disponibilità trasversale mostrata negli ultimi giorni. Come avevo anticipato nelle scorse settimane, una volta celebrate le assemblee per la presidenza in Lega di A e in LND ho convocato questo tavolo che ci accompagnerà per l’intera durata dell’attuale mandato del Consiglio Federale”, prosegue Gravina.

❇️ Confido di portare alcune decisioni in approvazione già alla prossima riunione fissata per il 20 aprile”, conclude il numero uno del calcio italiano.

👉🏿 Il 20 aprile di quale anno? Questa è la domanda, visto il reiterarsi negli anni di tentativi riformistici tutti malamente abortiti. Speriamo sia chiaro a tutti, ma proprio a tutti, che non c’è più tempo per tergiversare.

Fonte parziale testo e fonte foto: Figc

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi