La Serie A Femminile e la carenza di un progetto: può essere d’aiuto “Il coltellino svizzero”?

Il campionato di serie A Femminile si ‘trascina’ nella sostanziale indifferenza dei media nazionali, salvo rari trafiletti su qualche testata specializzata. Le notizie sono ai minimi termini nei mezzi di comunicazione di massa più influenti e, di fatto, limitate ai pochi siti online dedicati al calcio in rosa (fra questi anche il nostro Calciopress).

Il movimento, entrato nel professionismo al suono delle fanfare, stenta ancora a farsi largo nell’immaginario collettivo. Resta un prodotto di nicchia, nonostante chi lo frequenti con assiduità sia ben consapevole della sua valenza tecnica e organizzativa.

Come spesso avviene nella vita è (quasi) sempre un problema di carenze. Di comunicazione e di idee. Senza mettere in campo qualcosa di realmente innovativo, il rischio che corre la serie A Femminile è quello di continuare a essere un sottoprodotto della Serie A maschile.

Servono slancio, inventiva e (perché no) un filo di follia. Potrebbe essere di aiuto al movimento Annamaria Testa, protagonista di enorme successo della comunicazione italiana degli ultimi anni, che ha dato due anni fa alle stampe un libro di grande impatto su come ‘muoversi’ in tutti i settori.

Il coltellino svizzero” (Garzanti, collana Saggi, 2020) potrebbe essere un buon supporto per gli addetti ai lavori.  L’autrice ci aiuta a prendere coscienza dei meccanismi che orientano la vita di tutti noi, per imparare così a compiere le scelte giuste e soprattutto a porsi gli interrogativi corretti.

Dalla presentazione del libro estrapoliamo alcuni concetti chiarificatori, condivisibili con il nostro (personale) punto di vista.

Avete notato che un punto interrogativo a testa in giù somiglia a un amo? Bene: buttatelo nel mare del possibile e vedrete che qualcosa di interessante ci resterà attaccato.

Viviamo tempi incerti e fatichiamo sempre più a riconoscere il mondo che ci circonda: eventi totalmente inediti e che non riusciamo a interpretare stanno modificando gli strumenti con cui ci confrontiamo con gli altri, come veniamo condizionati dalle informazioni, le modalità di accesso ai saperi.

Mai come oggi abbiamo avuto bisogno di un nuovo, ideale ‘coltellino svizzero’ per poter di volta in volta avvitare un pensiero, limare una percezione, stappare un punto di vista originale.

Perché esplorare nuovi orizzonti è diventata una necessità e si dovrebbe prendere coscienza dei meccanismi che orientano la vita di tutti noi, per imparare così a compiere le scelte giuste e soprattutto a porci gli interrogativi corretti.

👉🏿 Il modo più semplice, efficace e (quasi) infallibile per ottenere buone risposte non è forse quello di porre delle buone domande?

You may also like

Nel calcio femminile esistono progetti federali poco pubblicizzati e talora non adeguatamente regolamentati: eppure sono la strada per avviare le bambine a questo sport e per metterlo in connessione con il territorio di riferimento

Nei giorni scorsi – sia su Calciopress sia