Napoli Femminile, quando l’azionariato diffuso funziona: le Azzurre pronte per giocare un campionato all’altezza

Il Napoli Femminile rappresenta un caso unico nel panorama della Serie A Femminile. Il club ha una struttura societaria caratterizzata da un azionariato diffuso che ne permette la gestione economica senza affanni percepibili dall’esterno ⏩ “Napoli Femminile e azionariato diffuso: c’è un altro modo di fare calcio”.

Il calciomercato procede bene e si avvia a realizzare un significativo ricambio. La squadra azzurra pilotata da mister Biagio Seno e dal direttore generale Marco Zwingauer (entrambi riconfermati dopo la vittoria nel campionato di serie B lo scorso anno), sta completando la rosa con innesti meditati che vanno ad aggiungersi alle poche giocatrici confermate ⏩ tutti i movimenti del mercato in tempo reale.

Nella logica dell’azionariato diffuso sarà EDM (azienda napoletana di software e consulenza gestionale) ad accompagnare come sponsor ufficiale il ritiro del Napoli Femminile che si svolgerà a Rivisondoli (Aq) dal 21 al 30 agosto. Le calciatrici azzurre soggiorneranno all’hotel Europa (che quest’estate ha ospitato anche la Salernitana) e si alleneranno presso lo stadio del piccolo comune del comprensorio dell’alto Sangro.

EDM comparirà anche sulle maglie da gara che il Napoli Femminile indosserà in occasione delle due amichevoli precampionato.

La prima è prevista il 13 agosto a Roma contro la formazione giallorossa guidata da Alessandro Spugna che, nella passata stagione, si è laureata campione d’Italia. Il match è in programma al Centro Sportivo Giulio Onesti di Roma domenica 13 alle ore 18.

In Abruzzo, invece, il Napoli Femminile disputerà almeno un altro test. Per il 26 è infatti in programma a Rivisondoli una sfida con la Ternana (Serie B) che annovera tra le sue fila Tasselli e Sara Tui, lo scorso anno in maglia azzurra.

Il buongiorno si vede dal mattino?

➡️ Sergio Mutolo

You may also like

La rappresentativa Under 15 e il “Progetto Calcio +15”, veri incubatori delle Nazionali Femminili Giovanili: lo stato dell’arte

La crescita delle Nazionali Giovanili Femminili passa attraverso